Ricerca avanzata

Recensioni

Le recensioni di Libertas1905 Le più famose Più recenti I miei amici I miei autori

    • Furore di


      Lottare per sopravvivere, giorno dopo giorno. Questo è il tragico destino che accomuna la famiglia Joad alle migliaia di disperati che alla fine degli anni ’20 si recarono in massa dalla costa Est alla California in cerca di un promesso lavoro da braccianti che alla fine o non c’era nemmeno o nella migliore delle ipotesi era pagato una miseria. La critica del capitalismo che , all’uscita del romanzo nell’Italia fascista del 1940, costò la censura di alcune sue parti, rimane sullo sfondo di questa vicenda dove i ricchi proprietari terrieri diventano sempre più ricchi e i poveri agricoltori in cerca di una terra promessa, che si rivelerà per loro un autentico inferno, diventano sempre più poveri e sempre più arrabbiati per una situazione di miseria che è oramai intollerabile e insostenibile . Furore, mai titolo fu più azzeccato, è l’unica cosa che hanno in abbondanza queste famiglie disperate. Furore è ciò che ti mantiene vivo e non ti fa affondare anche quando non hai più niente. Furore è ciò che ti spinge ad arrivare in fondo al tunnel, per vedere se tutti hanno diritto ad un raggio di sole.



      Scritto da Libertas1905, giovedì 12 novembre 2015

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso

    • Fight club di Palahniuk Chuck


      Un libro dalla trama particolare scritto in uno stile altrettanto particolare. Parole e frasi ripetute più volte come per imprimerle nella mente del lettore . Chi sono gli adepti del Fight club ? Persone delle più svariate classi sociali , dal cameriere all’avvocato , che si ritrovano negli scantinati dei bar per darsele di santa ragione in duelli all’ultimo sangue nel vero senso della parola. Perché tutta questa violenza ? Perché recarsi sul posto di lavoro il giorno dopo magari senza un dente o con dei punti di sutura sul viso ? Per sentirsi meglio , ovviamente non fisicamente ma mentalmente , spiritualmente .Perché nel farsi maciullare il viso a suon di cazzotti , non si espelle solo il sangue e qualche frammento osseo , ma ci si libera da tutte le convenzioni , gli status symbol , i compromessi e il dover sempre dimostrare di essere all’altezza della situazione che la società attuale ci impone e con cui ci costringe a convivere quotidianamente. Mostrarsi con il volto tumefatto è come mostrarsi al prossimo senza tanti orpelli e finzioni : E’ mostrasi per quello che siamo.



      Scritto da Libertas1905, venerdì 10 aprile 2015

        Segnala abuso

    • Soffocare di Palahniuk Chuck


      Un romanzo anomalo, anticonvenzionale , originale per trama e modalità di scrittura . Ironico per larghi tratti e con spunti di riflessione che ti aspettano dietro l’angolo , quando meno te lo aspetti. Il protagonista è una persona fondamentalmente sola che usa la propria ossessione, la sessodipendenza, come una droga che lo distoglie dai problemi quotidiani (la madre malata in stato terminale ) e come uno scopo nella vita : sapere da cosa salvarsi . Si , perché per lui vivere è lottare ogni giorno contro ciò che vuole privarti della vita stessa. Anche gli altri protagonisti che lo circondano , dalla madre al collega di lavoro sino alle donne complici e compagne di quel sesso sfrenato continuamente ricercato , sono come storditi da un qualcosa che gli estranea e li tiene alla larga dalla vita reale , quella vita che è la vera ossessione che nessuno di loro vuole affrontare.



      Scritto da Libertas1905, giovedì 2 aprile 2015

        Segnala abuso

    • Fratelli d'Italia di Arbasino Alberto


      Signori miei … signora mia…. In questo libro Arbasino celebra l’Italia del boom economico portandoci in giro per l’Italia ( e non solo) tra feste , gite al mare , teatri e città d’arte in cui si mescolano incontri con poeti , scrittori , nobili , prelati e personaggi a vario titolo del jet set dell’epoca . Il tutto intervallato da discussioni e disquisizioni che spaziano dalla letteratura ( cosa è e come dovrebbe essere il Romanzo ?) all’arte contemporanea e non e da un gusto per la battuta ( talvolta sottile , talvolta caustica e volutamente triviale) difficilmente uguagliabile. Un difetto : l’eccessiva lunghezza , si superano le 1300 pagine.



      Scritto da Libertas1905, venerdì 27 febbraio 2015

        Segnala abuso

    • Cattedrale di Carver Raymond


      Leggere i racconti di Raymond Carver è come sedersi nel soggiorno di una famiglia americana della middle class e osservare quello che avviene chiedendosi che cosa mai succederà .In realtà non avviene poi molto dal punto di vista della trama, non c’è un finale a sorpresa o ad effetto, ma c’è semplicemente lo svolgersi di frammenti di esistenza di persone che affrontano la vita di tutti i giorni , con i propri problemi , sogni e incertezze . E’ come prendere una ipotetica pellicola di una giornata di tutti noi, estrapolarne e tagliarne via un pezzo, e tramutarlo in pagine scritte . Il tutto narrato con una accuratezza e una precisione stilistica veramente unica.Se siete amanti dei racconti brevi questo libro è inevitabilmente da leggere.



      Scritto da Libertas1905, giovedì 4 dicembre 2014

        Segnala abuso

    • I I migliori racconti di Matheson Richard


      Dopo aver letto questo libro capisco perché autori come Stephen King considerano Matheson un loro maestro . In questo volume, che raccoglie il meglio dei suoi racconti, l’autore ci trasporta in una serie di storie inquietanti che risvegliano le nostre paure e i nostri incubi peggiori : si va dal commesso viaggiatore che si trova suo malgrado a lottare per la vita sulle assolate e deserte strade della California inseguito da un camionista assassino (Duel ) , all’ignaro vacanziere imprigionato in una piccola cittadina sconosciuta abitata da cannibali (I figli di Noè) . Il tutto narrato in uno stile asciutto , diretto e incalzante che non lascia scampo e ci trasporta in un mondo parallelo dove i protagonisti sono dei prigionieri nelle sabbie mobili dell’incubo ,e più si dibattono per liberarsene e più vi affondano inesorabilmente.



      Scritto da Libertas1905, venerdì 31 ottobre 2014

        Segnala abuso

    • L' L' estate di Sgt. Pepper. Come i Beatles e George Martin crearono Sgt. Pepper's lonely hearts club band di Martin George


      Per chi , come me , è un amante dei Beatles , questo libro è assolutamente da leggere . Chi meglio di George Martin , arrangiatore e produttore del gruppo , può portarci negli studi di Abbey Road assieme ai Fab Four ? Oltretutto per narrarci come è nato il loro album più innovativo , Stg.Pepper . Ma non solo , Sir George ci racconta come e quando decise di mettere sotto contratto gli allora sconosciuti Beatles e come nacquero capolavori come Strawberry Fields Forever e Penny Lane , che inizialmente dovevano fare parte di questo album. L’unica nota negativa è che questo libro , pubblicato in Inghilterra nel 1994 , sia arrivato in Italia circa 15 anni dopo . Ma ora che è qui , chi ama i Beatles non può non leggerlo.



      Scritto da Libertas1905, giovedì 4 settembre 2014

        Segnala abuso

    • The The Beatles. Hey! Hey! Hey! Testi commentati 1967-1970 di Padalino Massimo


      Se vi piacciono i Beatles e cercate un commento originale e non convenzionale ai testi delle loro canzoni … questo libro fa al caso vostro. L’autore riesce a collegare i testi l’un l’altro come fossero i capitoli di un romanzo , non limitandosi alla semplice traduzione in italiano degli stessi ma analizzandoli e spiegandoli attraverso un mix di stralci di interviste dei Fab Four , commenti ripresi da blog contemporanei e citazioni riprese dal mondo del cinema e dei mass media in generale. Tra le righe viene anche ripercorsa la storia del gruppo , tra alti e bassi , litigi e insofferenze ,sino a quel tragico 8 Dicembre 1980 .Da tutto questo i testi , nonostante sia passato circa mezzo secolo, emergono come sempre attuali per non dire eterni , come eterna è la fama di coloro che li hanno scritti e musicati . Esiste anche un primo volume , dove lo stesso autore analizza con il medesimo metodo la produzione dei primi anni del gruppo.



      Scritto da Libertas1905, martedì 1 luglio 2014

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso

    • Il Il linguaggio segreto dei cani di Sims Graeme


      L’amore per un cane spesso ci porta a considerarlo alla stregua di un essere umano , e quindi a comunicare con esso tramite la parola . In questo libro invece , l’autore , famoso addestratore da una vita di border collie, ci spiega che è il linguaggio del corpo quello che i nostri più fedeli amici capiscono di noi . Loro ci scrutano , ci analizzano continuamente e semplicemente da un nostro gesto o da una nostra espressione del viso , che magari a noi può sembrare impercettibile , capiscono ciò che stiamo per fare e così ci anticipano nei nostri intenti lasciandoci spesso stupefatti. I consigli che l’autore ci dà nell’addestramento e nel relazionarsi con i nostri cani sono molto semplici e immediati , tanto da poter sembrare a volte banali , ma vanno diretti al punto e sono sempre dettati dall’amore e da una profonda conoscenza dei nostri amati quadrupedi . Alla fine il nostro cane è un po’ lo specchio di noi stessi , e quando ci specchiamo non serve parlare , basta uno sguardo per capirsi.



      Scritto da Libertas1905, lunedì 9 giugno 2014

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso

    • Espiazione di McEwan Ian


      Un romanzo stilisticamente perfetto .Tutto si incastra con grande naturalezza e senza sbavature , in questo dramma che segnerà l’intera esistenza di Briony , poco più che una bambina con l’ambizione di scrittrice che incolperà ingiustamente di un odioso crimine l’amante di sua sorella maggiore , facendolo finire in prigione da innocente. L’espiazione della protagonista , che crescendo prende sempre più coscienza dell’enormità di ciò che ha fatto , diventerà lo scopo e la meta di tutta la sua vita . Anzi , forse espiare diverrà la vita stessa , ma esiste una vera redenzione ? Forse l’unico modo è raccontare tutta la verità in un romanzo , unendo così la vocazione di scrittrice con la necessità di scrollarsi di dosso tutto il male causato . Basterà ? Forse ,ma così verrebbe accusato il vero colpevole che è ancora in vita e nessun editore accetta di pubblicare il libro. E allora quando è possibile espiare la propria colpa ? Mai , sino a che si è in vita.



      Scritto da Libertas1905, mercoledì 28 maggio 2014

      Piace a 2 utenti della community

        Segnala abuso
1 2 3 
Già iscritto?
Iscriviti