Ricerca avanzata

Recensioni


    • Giuda di Oz Amos


      Letto tutto d'un fiato. Una storia d'amore e una riflessione sulla storia. Una scrittura incredibilmente avovlgente anche se fredda. Una Gerusalemme quasi da "realismo magico" in cui entrano a tratti considerazioni sulla politica e la società tra la fine degli anni Cinquana e l'inizio dei Sessanta. E poi Gesù - il Gesù degli ebrei che può essere quasi ridicolo - e Giuda, figura centrale della religione ebraica ma anche del cristinesimo. Bello, consigliatissimo, decisamente da leggere.



      Scritto da Yuki, lunedì 27 ottobre 2014

        Segnala abuso

    • La La cavalcata dei morti di Vargas Fred


      Il romanzo più cupo e misterioso tra quelli che ho letto della scrittrice francese. Una leggenda legata alla morte, un'indagine che sembra sfuggire di mano, la Francia più ombrosa e spaventosa... ecco con cosa ha a che fare questa volta il nostro amato Adamsberg, un uomo su cui possiamo sempre contare.



      Scritto da Yuki, lunedì 22 settembre 2014

        Segnala abuso

    • Hitler mon amour di Roat Francesco


      Un romanzo breve ma intenso che racconta il nazismo attraverso la storia dell'amore che legò Hitler a Eva Braun. Roat narra i sentimenti della donna (il libro è scritto in prima persona come se fosse la stessa Braun a narrare) con grande efficacia e alla fine sembra davvero di aver letto il diario personale e intimo della giovane appassionata. E forse si comprende meglio come questo amore sia nato e perché la donna abbia voluto seguire il Fuhrer nel bene e nel male.



      Scritto da Yuki, venerdì 12 settembre 2014

        Segnala abuso

    • Il Il miraggio della libertà. Storia del Caucaso di King Charles


      Un libro meraviglioso che racconta la storia di una zona geografica poco conosciuta da noi, ma di grande importanza strategica ed economica. L'autore racconta secoli di storia in modo gradevole anche se molto competente e dettagliato. E così incontriamo i protagonisti dei salotti letterari russi come dell'impero ottomano, i circhi americani che esibivano le "bellezze circasse" e i presidenti degli stati nati dopo la disgregazione dell'URSS.



      Scritto da Yuki, giovedì 11 settembre 2014

        Segnala abuso

    • Rete padrona. Amazon, Apple, Google & co. Il volto oscuro della rivoluzione digitale di Rampini Federico


      Rampini non delude mai. I suoi saggi, seppur molto divulgativi, mantengono un livello di analisi non banale e piuttosto originale. Anche in questo caso la sua visione del mondo parte da un punto di vista laterale. La rete: tutto bene? tutto male? no, né l'uno, né l'altro. La rete può essere una meravigliosa realtà che ci apre al mondo e a illimitate possibilità di interazione ma anche un grande fratello che ci domina, uno strumento di marketing che induce necessità, un mezzo per conoscere ogni nostro movimento e ogni nostra azione. E i grandi attori di questo mondo stanno prendendo il sopravvento su tutto e tutti. Questo non è bene e dobbiamo riflettere molto su questa tendenza che rischia di impoverirci anziché arricchirci. Ricco anche di notizie poco conosciute.



      Scritto da Yuki, mercoledì 3 settembre 2014

        Segnala abuso

    • L' L' abbazia dei cento peccati. Codice Millenarius saga di Simoni Marcello


      Avvincente e scorrevole come tutti gli altri romanzi di Simoni. Una pergamena nasconde un segreto e i re europei del XIV secolo sono molto interessati ad averla. Ma anche alcuni religiosi non si tirano indietro e un cavaliere valoroso è destinato a difenderla e trovare la soluzione a un misterioso enigma che... naturalmente non vi rivelo il finale!!



      Scritto da Yuki, venerdì 25 luglio 2014

        Segnala abuso

    • Vacanze in giallo di


      Bello, bello, bello! per fortuna Sellerio continua a pubblicare queste raccolte di racconti gialli scritti da alcuni tra i migliori autori di genere contemporanei. In particolare vi consiglio il racconto di Malvaldi (i vecchietti del BarLume sono in vacanza in montagna), quello di Manzini (anche il burbero Rocco Schiavone va in ferie), l'originale idea di Alessandro Robecchi che ha come protagonista non un vero investigatore ma un autore televisivo, Carlo Monterossi. E non perdetevi anche il nuovo episodio della casa di ringhiera di Recami!



      Scritto da Yuki, giovedì 24 luglio 2014

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso

    • In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi di De Giovanni Maurizio


      Ecco di nuovo lo straordinario commissario Ricciardi. Un uomo solo e complicato, ma molto affascinante. Siamo a Napoli negli anni Trenta e un medico cade dalla finestra del policlinico. Si sarà ucciso o sarà stato spinto da qualcuno? Ricciardi indaga e come sempre De Giovanni costruisce un mondo attorno a lui, tra le strade di quella Napoli ancora un po' Ottocentesca, velata di romanticismo e meno violenta di quella a cui la cronaca oggi ci ha abituati.



      Scritto da Yuki, venerdì 11 luglio 2014

        Segnala abuso

    • La La sposa silenziosa di A. S. A. Harrison


      Libro letto in due giorni, divorato! L'ho iniziato per curiosità: la storia della scrittrice, così drammatica, mia aveva colpita. E poi il romanzo si è dimostrato davvero travolgente. La protagonista è una donna che passa attraverso le varie fasi di un rapporto in crisi, che capisce chi è davvero il marito e che... Bello, davvero, e consigliato!



      Scritto da Yuki, lunedì 30 giugno 2014

        Segnala abuso

    • Se la vita che salvi è la tua di Geda Fabio


      Geda scrive bene, questo è fuori di dubbio. La storia è quella di un uomo giovane che cerca altrove quello che non ha trovato in Italia. E' la storia di una fuga volontaria che si intreccia con la storia di tante fughe obbligate. E' la storia di un uomo che non riesce più a vivere la sua vita normale, che si trova ai margini e che riprende a vivere in un altro modo, diverso ma uguale. Bel romanzo. Forse Geda esprime troppi temi contemporaneamente, sovrapponendoli e facendo un po' perdere la strada al lettore, ma alla fine resta nell'animo ciò che magistralmente scrisse Montale: "Spesso il male di vivere ho incontrato".



      Scritto da Yuki, mercoledì 4 giugno 2014

        Segnala abuso
1 2 3 
Già iscritto?
Iscriviti