Ricerca avanzata
Recensione

Il Il sigillo del cielo copertina

Il sigillo del cielo di Glenn Cooper

«Hiram aveva inclinato l’oggetto per osservarlo meglio, quando un raggio di sole ne aveva colpito la superficie, riflettendosi nel suo occhio. Lui aveva stretto le palpebre, e non appena il fastidio era scomparso aveva ripreso la sua ispezione, stavolta con più cautela.
Che cos’era?
Aveva forse sentito qualcosa? Una voce lontana?»

Negli ultimi anni Glenn Cooper ci ha appassionato con le sue avventure colme di suspence, atmosfere esoteriche e dettagli storici. Il suo stile intrigante lo ha reso uno degli scrittori più amati dagli italiani a partire da La Biblioteca dei Morti fino alla trilogia dei Dannati. Oggi ritorna con il nuovo thriller Il sigillo del cielo, continuando la saga del professore di Storia delle religioni Cal Donovan. La scelta di non cambiare il protagonista, ma far incontrare un’altra volta al lettore un personaggio familiare è di certo vincente. Durante la narrazione vengono svelati nuovi dettagli della vita di Cal così da scoprire inedite sfaccettature del suo carattere rendendolo sempre più vivo e reale. E non c’è da temere: anche chi si trova per la prima volta immerso in un romanzo di Cooper, non resterà spaesato grazie alla costruzione impeccabile della storia, immaginata per essere letta da tutti.

I frequenti salti temporali, tipici della narrazione Cooperiana, ci trasportano fino in Iraq (1095) nel monastero di St. Elijah, recentemente raso al suolo dal sedicente stato islamico. Dall’antico monastero si passa agli studi del leggendario John Dee in epoca vittoriana con la maestria e la cura dei dettagli tipica del maestro del thriller. L’avvincente avventura di Cal si trasforma in una lotta contro il tempo per salvare la terra da una minaccia incombente. Quella che sembrava un’indagine senza implicazioni assume dimensioni catastrofiche grazie al ritmo incalzante e ai colpi di scena mai banali. L’epilogo lascia come sempre senza fiato.

La penna di Cooper è immancabilmente diretta, descrittiva e accurata: i fan dell'autore impazziranno per questa nuova storia. Ma Il sigillo del cielo sarà in grado di conquistare anche i più scettici grazie alla sua scrittura semplice e fluida. Se non avete ancora deciso da quale romanzo farvi accompagnare nella vostra estate, Il sigillo del cielo è una scelta obbligata, sempre che non l’abbiate già divorato prima del tempo, come abbiamo fatto noi.

Recensione di Alberto Clementi

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti