Ricerca avanzata
Recensione

Il Il domatore di leoni. I delitti di Fjällbacka. Vol. 9 copertina
  • Läckberg Camilla
  • Il Il domatore di leoni. I delitti di Fjällbacka. Vol. 9
  • Marsilio
  • 2020

Il domatore di leoni - Camilla Läckberg

Mai come questa volta Erica e Patrik dovranno scavare negli abissi del male più impenetrabile, diabolicamente protetto da un’apparente normalità.

«Bastava uno sguardo al male per non poterlo ignorare più: lo fissava negli occhi ogni giorno, e il male la fissava a sua volta.»

A quattro mesi dalla sua scomparsa Victoria viene trovata priva di sensi e seminuda in un bosco innevato. Una macchina l'ha investita, ma il suo corpo reca ferite ben diverse da quelle causate dallo scontro con un'automobile. Occhi cavati, lingua mozzata, tagli lungo le cosce. Il risultato di torture sadiche, inflitte nel corso dei lunghi mesi di cattività da un perverso carceriere. Victoria nella nottata morirà, troppo debilitata dai supplizi subiti. La ragazza non è l'unica a essere scomparsa negli ultimi mesi. Altre quattro povere creature sono state strappate dal tepore del focolare domestico e rinchiuse in chissà quale casa degli orrori. Tutte giovani, bionde e piacenti. Forse il triste destino occorso a Victoria potrà aiutare la polizia a rinvenire le altre ragazze.

A condurre le indagini troviamo l'impassibile detective Patrik Hedström, un volto noto ai fan di Camilla Lackberg. La sua dolce metà è Erica Falck, scrittrice di successo, sempre immersa in indagini e ricerche su vecchi crimini saliti agli onori della cronaca. Il caso che sta studiando per il prossimo libro, considerato chiuso dalla polizia, ha sempre affascinato Erica poiché convinta che sia stata incriminata la persona sbagliata. Coincidenza vuole che il paese in cui sono avvenuti i delitti oggetto della sua indagine sia Fjallbaka, lo stesso del caso seguito da Patrik. Nell'approfondire le sue ricerche, la scrittrice si accorgerà di inquietanti parallelismi con le sparizioni indagate dal marito.
Una volta divenute chiare le connessioni tra il suo caso e quello di Patrik, alla scrittrice non resta che raggiungere il marito per indagare insieme. Il colpevole deve trovarsi nella minuscola cittadina. Di conseguenza chiunque attorno a loro è un sospetto.asf

Il domatore di leoni, il nono romanzo di Camilla Lackberg, è l'ennesima dimostrazione di quanto la pluripremiata autrice svedese sia capace di sconvolgere panorami idilliaci tramite l'improvviso palesarsi del male. Un'oscurità perturbante e corruttrice, incarnata da abietti serial killer, la cui elusiva caratterizzazione è il punto forte della narrazione della scrittrice. Dai contorni vaghi, quasi fantasmatici, essi irrompono minacciosi nel quotidiano, sfumando quel labile confine che separa il mondano dal sublime. La tensione viene accresciuta dal moltiplicarsi dei punti di vista di diversi narratori, spesso separati da diverse coordinate spazio-temporali, un sistema per indurre il pubblico a dubitare di quanto letto nelle pagine precedenti e svelare l'identità del killer solo nelle ultimissime righe.

Nelle sue opere, e in questa in particolare, più violenta del solito, il senso di inquietudine è costantemente mantenuto a livelli pressoché insostenibili. Il lettore viene gettato a capofitto in un mondo gelido, in cui i protagonisti non possono fare altro che guardarsi alle spalle, convinti che chiunque attorno a loro possa essere la fonte di tutto quel sangue sparso. Paranoia, sangue e ghiaccio. Insomma il Noir scandinavo ai suoi massimi livelli. Leggetelo.

Recensione di Matteo Rucco

Il domatore di leoni - Camilla Läckberg
464 p., brossura - 19 € - Marsilio
ISBN 9788831724890


Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti