Ricerca avanzata
Recensione

Storia di un corpo copertina

Storia di un corpo di Daniel Pennac


Ebbene, io ti difenderò! Ti difenderò anche da me stesso! Ti farò i muscoli, ti fortificherò i nervi, mi occuperò di te ogni giorno, mi interesserò a tutto quello che senti.

Di ritorno dal funerale del padre, Lison riceve un regalo del tutto inatteso, una pila di quaderni il cui contenuto è destinato a cambiarla per sempre, e a cambiare l'immagine del padre che ha amorevolmente costruito nell'arco di una vita intera.
I quaderni contengono il più sorprendente ritratto di suo padre: si tratta infatti di un diario sensoriale, redatto con sensibilità di rabdomante, che racconta la storia del suo corpo, dal compimento dei dodici anni di età fino ai giorni immediatamente precedenti la morte.
Ecco pronta nelle mani di Lison una storia, fra le tante possibili, della vita di suo padre: epperò la storia più giusta, la più intima e profonda, l'unica che possa veramente dar conto di quel che la vita ha fatto di suo padre.

Leggendo, immergendosi nel racconto di quella vita lunga, piena di fatti, ricca di incontri, foriera di cambiamenti, Lison entra in un flusso narrativo dove a dar voce all'accaduto è il corpo, in tutte le sue umorali e ricchissime variazioni.
Ecco dunque un vero e proprio journal d'un corps, come recita il titolo originale dell'opera, un diario dove vengono espresse le mille eterogenee sensazioni che quello strumento meraviglioso che è il corpo è in grado di far provare alla persona tutta.

Materia plasmabile, mutevole, il corpo: materia che nelle mani capaci di Daniel Pennac dà vita a un romanzo bello, divertente, commovente, il cui registro è - per così dire - fisiologicamente mutevole, dato che viene modulato di volta in volta sulle manifestazioni organiche di un corpo che cresce, impara, si ammala e si corrompe.
Sempre, per tutta la vita, il corpo dètta l'agenda anche di ciò di cui è spesso, e a torto, considerato il mero involucro.
Dove starebbe quell'anima che sta parlando a Lison, infatti, e come potrebbe esprimersi, se non attraverso la bocca, gli occhi, le orecchie, le mani e tutto quel che il corpo mette a sua disposizione?
Cosa sarebbe, l'anima, senza un corpo a tenerla nel mondo, e a farle fare esperienza di esso?




L'uomo al centro del racconto - che con la sua pretesa di anonimato getta un ponte perché la sua storia possa dirsi ancor più universale - ha iniziato a tenere il diario quando ha provato per la prima volta la paura: boy scout, dodicenne, viene legato a un albero, e teme di essere divorato dalle formiche.
In quel momento la decisione è presa: d'ora in avanti, proteggerà il proprio corpo "dagli assalti dell'immaginazione, e l'immaginazione dalle manifestazioni intempestive del corpo".

E quell'illuminazione non lo abbandonerà mai più: "più lo si analizza, più lo si esibisce, meno esso esiste".
Anche per questo, forse, il corpo resta uno dei grandi tabù della nostra epoca.
Ecco la meravigliosa eredità che il narratore lascia a sua figlia Lison: un memoir intimo e personale fatto di gioie e dolori, umori e reazioni fisiche, trasformazioni e sensazioni, ma anche deiezioni e malattie: tutto quel che attiene al corpo contribuisce a creare una storia naturale del sé, ed è ugualmente degno di essere glorificato.

Il libro è strutturato, proprio come lo sono i diari, in brevi capitoli, ciascuno dei quali è il racconto meravigliato dei sensi, e riporta le insicurezze, i timori, le gioie e gli orgasmi di un uomo che ha vissuto pienamente.
In questo "erbario" fantastico, Lison troverà le espressioni della pubertà e dell’invecchiamento, i piaceri e le malattie... la grandezza e la vulnerabilità di un corpo umano finalmente messo a nudo (è proprio il caso di dirlo) nel suo essere unico.

Un lavoro coraggioso e decisamente riuscito, quello di Pennac; un libro che agisce su di un sentimento universale ma spesso disconosciuto, restituendolo in tutta la sua potenza e freschezza a chiunque sbuffando una nuvola di fiato nel gelido mattino invernale provi la gioia di essere vivo.

Daniel Pennac - Storia di un corpo
Titolo originale: Journal d'un corps
Traduzione di Yasmina Melaouah
341 pag., 18 euro - Feltrinelli (I narratori)
ISBN 9788807019210

Con la collaborazione della redazione di IBS



L'autore


31 ottobre 2012  

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti