Ricerca avanzata
Recensione

Niente vacanze per l'ispettore Morse copertina
  • Dexter Colin
  • Niente vacanze per l'ispettore Morse
  • Sellerio Editore Palermo
  • 2012

Niente vacanze per l'ispettore Morse di Colin Dexter

"Ripensando a quel mattino, gli parve che qualcuno avesse in qualche modo predeterminato la direzione precisa che avrebbero preso i suoi passi, un percorso che Morse aveva compiuto come obbedendo a un impulso stranamente irresistibile, avanzando di qualche metro sul marciapiede e aprendo la porta dell'ingresso settentrionale di St Frideswide."


Un titolo già di per sé consolatorio: niente vacanze? che incubo! ah, beh, meno male: a saltare le vacanze non sarò io, ma l'spettore Morse. Anzi, io starò tranquillamente a leggere in ozio, mentre lui, l'ispettore Morse, indaga, lavora, si affanna. Bene, bravo, così io ho un bellissimo giallo da succhiare con il gelato!
E so già che il protagonista è lui, quell'uomo vulnerabile e forte al tempo stesso, quell'appassionato di musica classica affascinato dalle donne ma sfortunato in amore, lettore colto e solitario, capo molto difficile da seguire per il sottoposto Lewis, che talvolta deve assumere quasi il ruolo di badante... perché Morse beve troppo, sbaglia molto e non assomiglia affatto a quegli investigatori geniali che con un solo indizio inchiodano il colpevole, ma è uno dei personaggi più interessanti e veri che siano mai stati creati da un autore di romanzi gialli.


Non perdetevi dunque anche questo Niente vacanze per l'ispettore Morse, la "nuova" (si fa per dire, il romanzo è del 1979) inchiesta che lo vede protagonista.
Nota di servizio per gli appassionati: il libro è uscito nel 1988 per Longanesi Periodici e poi nel 2000 nella collana Gialli Mondadori, tradotto da Emilia Benghi e con il titolo Delitti nella cattedrale. Sellerio lo ripropone non solo con titolo differente, ma anche in una nuova traduzione firmata da Luisa Nera.

Il primo slancio alla vicenda è dato da una delle questioni più comuni dell'esistenza: il tradimento di una moglie, che ormai odia l'uomo che ha sposato, e la gelosia dell'amante, che vorrebbe vedere morto il suo rivale. Il marito tradito è anche l'amministratore della chiesa di St Frideswide a North Oxford, e probabilmente sottrae denaro dalla questua. Ma non è l'unico segreto che nasconde. L'amante dal canto suo - insegnante e vedovo -, ha un debole per le sue allieve. E attorno alla parrocchia ruotano altri personaggi: il vicario, uno strano barbone, alcune fedeli anziane, il gruppo giovanile...


Quando in questo mondo arriva, violento, un omicidio - ulteriormente complicato dal successivo incidente occorso al vicario, che muore precipitando dal campanile della cattedrale - è difficile districare i fili annodati e contorti che legano i vari protagonisti. E ciò che non riesce al primo inquirente incaricato dell'indagine, ma naturalmente riuscirà - non senza fatica e secondo una scansione biblica: Primo e Secondo Libro delle Cronache, Libro di Ruth e Libro della Rivelazione - al nostro ispettore Morse, che dedicherà i suoi quindici giorni di vacanza non al riposo ma al lavoro; per passione, sì, per senso del dovere, anche, ma soprattutto per la sua indecisione e la tendenza a procrastinare che gli ha impedito di andare in crociera tra le isole greche.


John Thaw, a destra, è Morse e Kevin Whately è il sergente Lewis nella serie tv inglese degli anni Novanta


Colin Dexter - Niente vacanze per l'ispettore Morse
Titolo originale: Service of All the Dead
Traduzione di Luisa Nera
364 pag., 14,00 € - Edizioni Sellerio 2012 (La memoria 901)
ISBN 978-88-389-2752-9



L'autore



27 luglio 2012 Di Giulia Mozzato

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti