Ricerca avanzata
Recensione

I I poeti morti non scrivono gialli copertina

I poeti morti non scrivono gialli. Una specie di giallo scritto da Björn Larsson

"Del resto, anche se i poeti poliziotti, a quanto pareva, erano una rarità, Barck era convinto di essere diventato un poliziotto migliore scrivendo e leggendo versi. La poesia lo costringeva a pensare seguendo percorsi insoliti e diversi, lo preparava all’inaspettato, lo allenava a non dare niente per scontato, a tenere occhi aperti per vedere collegamenti che altrimenti sarebbero rimasti invisibili."
  • Björn Larsson: il thriller è diventato sinonimo di letteratura svedese solo all'estero. Io non ho letto Stieg Larsson - leggi l'intervista


Libro scelto da Wuz in una selezione di grandi gialli

Divertente il titolo del nuovo romanzo di Björn Larsson: I poeti morti non scrivono gialli.
È ovvio, se sono morti non scrivono, né gialli, né poesie. Non scrivono tout court.
Il sottotitolo ci avverte, Una specie di giallo. Perché il libro è un giallo che protesta sorridendo contro la moda imperante dei gialli, un intelligente e brillante divertissement letterario che ci arriva da quello che sembra essere ormai il regno dei gialli.

Jan Y. Nilsson è un poeta che ha dedicato alla poesia la sua vita da quando aveva sedici anni. La poesia è il suo modo di essere e di interpretare il mondo. Jan Y. vive per scrivere versi. Cioè, sembra quasi che cerchi delle esperienze, perfino quella sublime dell’amore, per poterne scrivere.
I poeti non sono mai stati ricchi - Jan Y. non lo è, vive su un peschereccio che è la sua casa galleggiante. I libri di poesia non hanno mai portato grossi guadagni alle case editrici. Eppure l’editore Petersén ha sempre creduto nel valore di Jan Y. Nilsson e ha pubblicato tutte le sue raccolte di poesie. Rifacendosi poi con successi strepitosi come la trilogia di Sven Marklind (leggi Stieg Larsson).
Ma perché Jan Y. Nilsson, con il suo dono della scrittura, non potrebbe scrivere un thriller?
Farebbe un piacere all’editore, ricompensandolo delle perdite, e non sarebbe male neppure per le sue finanze. Dopo perplessità e dubbi, Jan Y. accetta. Il contenuto del romanzo è un segreto per tutti tranne che per l’editore e i suoi due collaboratori. Petersén è già riuscito a vendere il libro all’estero, prima ancora che sia stato terminato. A questo punto Jan Y. muore. In apparenza si è suicidato impiccandosi sulla sua imbarcazione ancorata nel porto di Helsingborg.


Anche se è una specie di giallo, il romanzo di Larsson obbedisce alle regole del genere, aggiungendo però ad ognuna di esse qualcosa che la stravolge, che ci impedisce di dimenticare che questa è quasi una presa in giro del giallo, pur riconoscendo il valore di denuncia che hanno i migliori di questi romanzi, quelli che si impegnano in una ricerca reale e che non si tirano indietro davanti alle intimidazioni di silenzio.
Che è poi quello che succederà a Petersén - ricevere minacce se si ostina a voler pubblicare l’atteso romanzo di Nilsson. Il quale si era documentato, aveva svolto ricerche e puntava il dito contro ingiustizie, truffe, disparità inaccettabili nel mondo del lavoro. Non per niente viene citato Saviano che vive sotto scorta…



C’è un investigatore, dunque, il commissario Barck
(attenzione al nome, simile a Beck, il famoso protagonista della serie di gialli di Maj Sjöwall e Per Wahlöö), ma fa parte della polizia portuale, che in genere nulla ha a che fare con delitti, ed è un aspirante poeta. Dentro di sé Barck ha un secondo fine nell’occuparsi del caso - riuscire a far leggere le sue poesie al noto editore di Nilsson, poeta molto amato da Barck.

C’è un triangolo amoroso: una donna che ama, anzi che amava, che addirittura venerava il poeta e che è amata, in apparenza senza speranza, dall’amico del poeta che è - lui, sì, veramente - uno scrittore di libri gialli.

C’è un dettaglio negli omicidi (perché ce ne sarà un secondo) che ricorda i gialli della Christie: una penna stilografica infilzata nel collo delle vittime.
Ci sono poi altri due libri dentro il libro: il poema epico del commissario e il giallo non finito di Nilsson (titolo: Uomini che odiano i ricchi - vi dice niente?) con personaggi che pirandellianamente escono dalle pagine e si aggirano tra quelli del romanzo di Björn Larsson.
Ci sono infine, accanto alle domande per risolvere l’indagine, i quesiti etici che riguardano la letteratura e che appassioneranno tutti i lettori in una maniera meno scontata delle altre sull’indagine.
Qual è il rapporto tra arte e vita?
Può la letteratura cambiare il mondo?
È letteratura quella asservita ai gusti del pubblico?
E fino a che punto ci si può spingere per mantenere la propria integrità?


Björn Larsson - I poeti morti non scrivono gialli. Una specie di giallo
Titolo originale: Döda poeter skriver inte kriminalromaner. Ett slags kriminalroman
Traduzione di Katia De Marco
351 pag., 17,00 € - Edizioni Iperborea 2011 (Ombre n.9)
ISBN 978-88-7091409-2



L'autore



14 settembre 2011 Di Marilia Piccone

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti