Ricerca avanzata
Recensione

L' L' allieva copertina

L'allieva, di Alessia Gazzola

“Sapevo già che lei è distratta. Un po’ dormiente. Ha commesso errori irripetibili. Ha sbagliato a compilare documenti, ha letteralmente frantumato dei reperti, si è tirata indietro di fronte a esumazioni. Ma che fosse capace di smarrire una salma, non l’avrei mai creduto possibile. Lei è riuscita in qualcosa di unico, Allevi: nessuno che io conosca, anzi, forse nessuno al mondo ha mai raggiunto tali vette di inettitudine. Perdere un cadavere…”

È giovane. È simpatica. È laureata in medicina e sta facendo la specializzazione in Medicina Legale. Condivide un appartamentino con la giapponese Yukino, a Roma per motivi di studio. Ha un fratello fotografo (lei sospetta che sia gay - non lo è), dei genitori che lei va a trovare regolarmente. È un poco innamorata del bel Claudio Conforti, il genio dell’Istituto di Medicina Legale. Che non la degna di uno sguardo, salvo che per fare dell’ironia su di lei. Perché lei è distratta, si tira indietro davanti a compiti spiacevoli, una volta ha lasciato cadere a terra il prezioso teschio che il grande capo, il Boss, il Supremo (così lo chiama lei, piena di vera ammirazione), usa durante le lezioni - e il teschio si è fracassato, naturalmente. Il massimo della sua sbadataggine è quando smarrisce il cadavere adagiato sulla barella che deve spingere da un’ala all’altra dell’istituto… Si chiama Alice Allevi ed è la protagonista del romanzo L’allieva, ottima opera prima di Alessia Gazzola, lei stessa specializzanda in Medicina Legale. Una che sa di che cosa sta scrivendo, e non solo per sentito dire, insomma. Ci conquista subito, la voce narrante di Alice - quando Arthur, il giornalista di cui si innamora (ricambiata), la chiama scherzando, Alice in Wonderland, ‘Alice nel paese delle meraviglie’, l’allusione al personaggio di Carroll ci sembra perfettamente appropriato per lei che avanza nei corridoi dell’istituto rischiarandoli con il suo brio, la sua freschezza, persino con la sua insicurezza e voglia di piacere.    
Tutto incomincia quando Alice entra in un negozio per acquistare un abito adatto per la festa di beneficenza organizzata dai medici. È incerta su quale scegliere. Un’altra cliente del negozio, una ragazza bruna e bellissima, la spinge a comprare un vestitino nero. E, poco dopo, Alice non può fare a meno di ascoltare una breve conversazione telefonica della sconosciuta. Quando, proprio la sera della festa e a seguito di una chiamata della polizia, Alice accompagna Claudio Conforti ad un sopralluogo, per lei è una terribile sorpresa scoprire che la giovane donna che giace a terra morta è la stessa che le ha consigliato l’abito che ora  sta indossando. A quanto pare si tratta di shock anafilattico: Giulia Valenti era allergica al paracetamolo. Di certo si era iniettata qualcosa d’altro. Era sola? Pare difficile, visto che una siringa viene rinvenuta nel cassonetto in strada. Si è trattato di un incidente? Suicidio? Omicidio? Alice si sente inquieta pensando alla telefonata che ha sentito…     
La trama scorre veloce, forse sarebbe meglio che Alice non si occupasse del caso, perché si sente stranamente coinvolta, per la casualità del suo incontro con Giulia il giorno prima della sua morte. La sorella maggiore di Giulia sembra sfruttare l’interesse di Alice, spingendola a fare analisi del dna di persone della sua famiglia senza che questi sappiano nulla di ciò - qualcosa di illegale per cui Alice corre il rischio di essere radiata dall’ordine. Eppure Alice non sa sottrarsi alla richiesta, anche perché il solo fatto di essere capace di cavarsela da sola è di conforto per lei, che - come le è stato più volte ripetuto - potrebbe non essere ammessa all’anno seguente della specializzazione. E finisce per provare che ha avuto un ottimo intuito, anche se nessuno voleva darle retta. È frizzante, la narrativa di Alice Allevi/Alessia Gazzola. Perché mescola il filone ‘giallo’ con quello rosa (non un rosa stucchevole) degli amori di Alice e con quello più serio delle ricerche anatomopatologiche - sempre ravvivato, questo, dai battibecchi e dalle rivalità interne dell’istituto, nonché dalle gaffes divertenti di Alice che ce la rendono ancora più teneramente simpatica. Un finale dal gusto un po’ amaro che è un omaggio ad una sinistra intelligenza.

Alessia Gazzola - L'allieva
374 pagg., 18,60 € - Longanesi 2011 (Nuova Gaja scienza)
ISBN 9788830429970


l'autrice


28 febbraio 2011 Di Marilia Piccone

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti