Ricerca avanzata

Da una storia vera

Da una storia vera - Vigan Delphine de - wuz.it

di

L'ultimo romanzo di Delphine, nel quale aveva messo a nudo la storia della sua famiglia, è diventato un successo planetario. L'ha travolta, le ha preso ogni energia lasciandola incredula, sfinita, debole. Lasciandola letteralmente senza parole. Ormai è passato del tempo, i lettori e l'editore si aspettano da lei qualcosa e una domanda la incalza a ogni apparizione pubblica: sta scrivendo qualcosa di nuovo? E, soprattutto, cosa scriverà dopo quel romanzo? È in questo momento delicato che L. entra nella vita di Delphine. Un incontro casuale, una nuova conoscenza con cui si scopre un'intimità naturale, un'amicizia che si trasforma rapidamente in una presenza stabile e confortevole nella vita di tutti i giorni. L. incarna l'ideale di donna bella, sofisticata e sicura di sé che Delphine, con i suoi capelli disordinati e i modi nervosi, un certo imbarazzo mai superato dall'adolescenza, non ha mai saputo essere. L. è un'amica come se ne hanno solo a diciassette anni: sempre disponibile, generosa e simpatica. L. la sostiene, inizia a interessarsi sempre più da vicino al problema della scrittura che assilla l'amica e ha una visione incredibilmente lucida. "Ricordo di aver avuto un'intuizione" scrive Delphine. "Qualcosa in L., qualcosa di nascosto, di appena percettibile, mi diceva che era una sopravvissuta, che aveva alle spalle un passato torbido e misterioso, che aveva messo in atto una straordinaria metamorfosi." Una sopravvissuta come tutti gli scrittori, o le persone pericolose.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

7,3
  • Trama 9,0
  • Personaggi 8,0
  • Stile 8,0
  • Incipit 8,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 4,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • Ladradilibri il 26 mar 2017 15:23 Segnala abuso

    Delle volte vorrei essere una persona precisina che quando legge un libro prende appunti, segna impressioni, riflessioni, e poi, come ai tempi dell'università, mette insieme il tutto e ne racconta...

    leggi tutto »

    Delle volte vorrei essere una persona precisina che quando legge un libro prende appunti, segna impressioni, riflessioni, e poi, come ai tempi dell'università, mette insieme il tutto e ne racconta bene benissimo di tutto quello che ha pensato e provato durante "il viaggio". Ebbene, no, non lo sono. e in questo caso specifico mi spiace enormemente. Anche se forse, per me, questo è più un libro da raccontare in macchina. Ossia quando qualcuno accanto a me guida e io guardando fuori dal finestrino gli racconto quello che sto leggendo. Un po' il mio viaggio nel viaggio. Della De Vigan avevo iniziato solo il suo ultimo romanzo dove raccontava della morte della madre, ma non ce l'ho fatta. Non per lei, ma per quello che mi smuoveva. Però la curiosità di lei c'era, eccome se c'era, così quando ho visto questo non mi sono trattenuta dal volerlo (poi, vabbè, ha anche la copertina rossa), soprattutto dopo aver letto un po' la trama: lei, l'autrice confessa di esser stata vittima del blocco dello scrittore e in questo ha avuto un ruolo fondamentale L. L: resterà per tutto il romanzo L., L. sarà la sconosciuta che a una festa "seduce" Delphine e che in maniera inaspettata diventa una presenza "onnipresente" nella sua vita. Cosa ha di bello, per me, questo romanzo? Intanto la scrittura, che in un momento dove fatico a leggere e concentrarmi mi ha rapita, poi (forse soprattutto) il fatto di essere una sorta di thriller psicologico ma fortemente introspettivo e riflessivo. Ha il bello della foga di voler sapere cosa succede pagina dopo pagina e il bello (che amo) di farti riflettere . Riflettere sulla vita e sulla "verità vs finzione", si, perché è questa la sua forza. De vigan per tutta la storia riflette su cosa è oggi scrivere, scrivere romanzi. su cosa vogliono i lettori (finzione, storie, o verità reality che tanto vanno di moda?), su cosa c'è di vero in un romanzo inventato e cosa c'è di finzione in un romanzo "verità\autobiografico". E sa giocare benissimo con questi due piani, ci gioca con voi, che mentre leggete questa storia [Da una storia vera] vi racconta di lei, delphine, dei suoi romanzi, dei suoi figli, del suo compagno, della sua vita... e se cercherete, vedrete che è tutto autobiografico.. ma... Da una storia vera - Delphine de Vigan 302 p., brossura - 19 € - Mondadori ISBN 9788804661733

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Ho ripensato spesso a quel gesto, a ciò che racchiudeva: dolcezza, tenerezza, forse desiderio. O forse niente di tutto questo. Perché, in fondo, non so nulla e non ho mai saputo nulla di L. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Vigan Delphine de
Vigan Delphine de

Ha esordito come scrittrice in Francia nel 2001. Con Mondadori ha pubblicato i romanzi Gli... leggi tutto