Ricerca avanzata

In tutto c'è stata bellezza

In tutto c'è stata bellezza - Vilas, Manuel - wuz.it

di

Manuel Vilas ha scritto un libro unico nella sua capacità di coinvolgere il lettore e di mescolare destino personale e collettivo, romanzo e autobiografia: «Sono due verità diverse, ma sono entrambe verità: quella del libro e quella della vita. E insieme fondano una menzogna».

«"In tutto c'è stata bellezza" è la storia familiare dello scrittore, nella quale la bellezza diventa una delle chiavi per leggere la vita dell'autore (o di ognuno).»La Lettura

«Un libro magnifico, coraggioso e struggente»Javier Cercas

«Un narrare che arriva al cuore della verità, e fa della vita di un personaggio un insegnamento universale»El País

«Un'opera che nasce dalla perdita, e al tempo stesso dalla luminosità dell'amore»La Vanguardia

«Ci farebbe bene scrivere delle nostre famiglie, senza nessuna finzione, senza romanzare. Solo raccontando ciò che è successo, o ciò che crediamo sia successo.» Animato da questa convinzione, Manuel Vilas intreccia con una voce coraggiosa, disincantata, a tratti poetica, il racconto intimo di una vita sullo sfondo degli ultimi decenni di storia spagnola. Allo stesso tempo figlio e padre, Vilas celebra la presenza costante e sotterranea di chi non c'è più, il passato che riemerge a fatica dai ricordi, la lotta per la sopravvivenza che lega indissolubilmente le generazioni. Una narrazione che sottolinea l'umana fragilità, le inevitabili sconfitte, ma anche la nostra forza unica, l'inesauribile capacità di rialzarci e andare avanti, persino quando tutto sembra essere crollato. Perché i legami con la famiglia, con chi ci ha amato, continuano a sostenerci e a definirci, anche quando sono apparentemente allentati o interrotti. E proprio quei legami ci permettono di vedere, a distanza di tempo, che in tutto c'è stata bellezza: in molti gesti quotidiani e anche nelle parole non dette, nell'affetto trattenuto, inconfessato, a cui non possiamo fare a meno di credere e di aggrapparci.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

7,8
  • Trama 8,0
  • Personaggi 7,0
  • Stile 7,0
  • Incipit 10,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 8,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • manu65 il 19 giu 2019 17:15 Segnala abuso

    E' un romanzo difficile da commentare, non perché difficile da comprendere, è chiaro che nasce da una grande sofferenza, che sconfina a tratti nell'ossessione. E' un flusso di coscienza che celebra...

    leggi tutto »

    E' un romanzo difficile da commentare, non perché difficile da comprendere, è chiaro che nasce da una grande sofferenza, che sconfina a tratti nell'ossessione. E' un flusso di coscienza che celebra il dolore della mancanza, la perdita dei genitori, che sono l'unica ragione per cui esisti. Sembra più un album di fotografie, che nessuno possiede, se non nella propria mente e nel proprio cuore, l'autore riesce a trasformare le parole in immagini, che istillano anche un senso di colpa per le tue assenze, prima che sia troppo tardi per rimediare. Non troverai dialoghi, se non quelli ricordati o immaginati. Forse un po' troppo lungo e ridondante in alcuni tratti, ma con un incipit così travolgente era davvero difficile mantenerne l'effetto per circa 400 pagine e le poesie dell'epilogo sono davvero troppo.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia