Ricerca avanzata

Io sono di legno

Io sono di legno - Carcasi Giulia - wuz.it

di

Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 8 lettori

Il voto della community

6,5
  • Trama 6,5
  • Personaggi 6,5
  • Stile 6,5
  • Incipit 6,5
  • Finale 6,5
  • Copertina 6,5

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • fioconi il 18 dic 2013 15:57 Segnala abuso

    Abbandonato senza rimpianti Sarò sicuramente una persona insensibile visto che molti hanno amato questo libro, ma non ne potevo più. 1° fastidio: già le prime pagine mi hanno dato l'idea che stessi...

    leggi tutto »

    Abbandonato senza rimpianti Sarò sicuramente una persona insensibile visto che molti hanno amato questo libro, ma non ne potevo più. 1° fastidio: già le prime pagine mi hanno dato l'idea che stessi leggendo una raccolta di bigliettini da Baci Perugina; 2° fastidio: essendo tipo tragedia greca a cori alterni non è subito chiaro chi si stia esibendo nella lagna nei vari paragrafi. 3° fastidio (che richiama il secondo): è una lagna continua e io attualmente non sono dell'umore adatto ad ascoltare gente che si lamenta in continuazione. Ma queste due, perchè non si parlano mai? Perchè non hanno nessun rapporto madre-figlia come le persone normali? Spero che alla fine si capisca (anche se non avrò il piacere di saperlo).

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(8)

Tutti i lettori

Biografia

Carcasi Giulia
Carcasi Giulia

Giulia Carcasi vive a Roma. Con Feltrinelli ha pubblicato nel 2005 Ma le stelle quante sono,... leggi tutto