Ricerca avanzata

Il Il museo dell'innocenza

Il Il museo dell'innocenza - Pamuk Orhan - wuz.it

di

Entrato in un negozio per comprare una borsa alla fidanzata, Kemal Basmaci, trentenne rampollo di una famiglia altolocata di Istanbul, si imbatte in una commessa di straordinaria bellezza: la diciottenne Füsun, sua lontana cugina. Fra i due ha ben presto inizio un rapporto anche eroticamente molto intenso. Kemal tuttavia non si decide a lasciare Sibel, la fidanzata: per quanto di mentalità aperta e moderna, in lui sono comunque radicati i valori tradizionali (e anche un certo opportunismo). Così si fidanza e perde tutto: sconvolta dal suo comportamento, Füsun scompare, mentre Kemal, preda di una passione che non gli dà tregua, trascura gli affari e alla fine scioglie il fidanzamento. Quando, dopo atroci patimenti, i due amanti si ritrovano, nella vita di Füsun tutto è cambiato. Kemal però non si dà per vinto. In assoluta castità, continua a frequentarla per otto lunghi anni, durante i quali via via raccoglie un'infinità di oggetti che la riguardano: cagnolini di porcellana, apriscatole, righelli, orecchini... Poterli guardare, assaggiare, toccare è spesso la sua unica fonte di conforto. E quando la sua esistenza subisce una nuova dolorosa svolta, quegli stessi oggetti confluiranno nel Museo dell'innocenza, destinato a rendere testimonianza del suo amore per Füsun nei secoli futuri. La storia di un'incontenibile passione, ma allo stesso tempo uno sguardo ora severo, ora ironico, ma certamente non privo di profondo affetto sulla Istanbul di quegli anni e sulla sua contraddittoria borghesia.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 10 lettori

Il voto della community

7,7
  • Trama 7,0
  • Personaggi 8,0
  • Stile 9,0
  • Incipit 7,0
  • Finale 8,0
  • Copertina 7,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • Cirodeniro il 03 apr 2015 13:30 Segnala abuso

    Questa è la storia di Kemal e del suo complesso rapporto con Füsun. Storia di una passione che si snoda senza cesure per quasi dieci anni e che, secondo i canoni romantici dell’amore infinito, non...

    leggi tutto »

    Questa è la storia di Kemal e del suo complesso rapporto con Füsun. Storia di una passione che si snoda senza cesure per quasi dieci anni e che, secondo i canoni romantici dell’amore infinito, non può che essere disperata. Per mitigare la dolorosa assenza dell’amata, Kermal si dedicherà a raccogliere compulsivamente oggetti e memorabilia che gli ricordino attimi felici vissuti insieme; perché per lui gli oggetti “conservano i ricordi, i colori, l’odore e l’impressione di quegli attimi con maggiore fedeltà di quanto facciano le persone che ci procurarono quella felicità”. Insomma, una storia tra l’ossessione d’amore e il feticismo, sullo sfondo di una Turchia condizionata dai lacci del tradizionalismo. Forse Pamuk ha scritto di meglio, ma chi nella lettura cerca non solo lo svago, non mancherà di apprezzare la maestria di un’opera in cui “ogni cosa sembrava aver raggiunto una sua immutabile normalità, una perfezione e una bellezza che erano proprie dell’eternità”.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Raramente un romanzo è così fedele al suo titolo: Il museo dell’innocenzaleggere , il primo libro scritto da Orhan Pamuk dopo il conferimento del Premio Nobel nel 2006, è come varcare la soglia di un museo; voltiamo le pagine ed è come se ci aggirassimo per sale in cui ammiriamo oggetti esposti nelle teche, chinandoci un poco per leggere la dicitura delle targhette esplicative. E, proprio come un museo ricostruisce un mondo, salvandolo dall’oblio per fissarlo nella memoria, distillando gli istanti nello scorrere del Tempo, così il romanzo di Pamuk ci restituisce la storia d’amore tra il trentenne Kemal e la diciottenne Füsun - ogni singolo dettaglio della vicenda, per quanto possa essere ripetitivo o apparire insignificante, impreziosito dalla luce soffusa del ricordo - e, nello stesso tempo, ricrea la vita di una città, Istanbul, negli anni ‘70.Le date sono importanti in qualunque museo: in questo la prima è del 26 aprile 1975 e l’ultima sarà di nove anni e quattro mesi dopo. La prima è la data del giorno in cui Kemal entra nel negozio in cui Füsun lavora come commessa e l’ultima è di quello in cui Kemal e Füsun partono per l’Europa: non sciupiamo nulla dicendo che è anche la data del giorno quando tutto finisce, e che terminasse in dramma lo avvertivamo fin dall’inizio. La pura e semplice storia di quest’amore è banale. Prima puntata: Kemal è in procinto di fidanzarsi con Sibel quando conosce Füsun e se ne innamora. Ricco, attraente, con una laurea presa in America, Kemal è il tipico ragazzo ‘d’oro’ viziato, egocentrico ed egoista a cui la vita non ha mai negato niente e che è incapace di negarsi alcunché. Füsun è giovane e bella, più sensuale e provocante di Sibel, forse è una finta ingenua e comunque ‘ci sta’. Kemal si incontra con lei in un appartamento di sua madre ogni giorno, per quarantacinque giorni, facendo l’amore con furia e passione. Seconda puntata: Kemal si fidanza ufficialmente con Sibel, durante una festa sfarzosa all’Hilton, dove pure Füsun è invitata. Dopo di che Füsun scompare. Inizia il mal d’amore di Kemal. Più tardi, parlando con Füsun, Kemal definirà l’amore come il sentimento che prova quando la vede e, all’obiezione di lei, “Ma allora quando non mi vedi non è più amore?”, risponde: “Quando non ti vedo il mio amore si trasforma in un’ossessione, una sorta di malattia”.  E la storia d’amore si trasforma nella storia di un’ossessione, con Kemal che vaga in cerca di Füsun per la città, tracciando una mappa e segnando con vari colori le strade da evitare per non soffrire di ricordi, molto, troppo spesso ubriaco, trascinando con sé nella spirale dell’infelicità e dell’ebbrezza costante anche la povera Sibel che non sa o non vuole sapere, che si gioca la reputazione andando a vivere con lui senza essere sposati.  Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(10)

Tutti i lettori

Biografia

Pamuk Orhan
Pamuk Orhan

Scrittore turco, Premio Nobel per la letteratura nel 2006. Abbandonati gli studi di... leggi tutto