Ricerca avanzata

Il Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un...

Il Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un boss ai quartieri spagnoli - Menna Antonio - wuz.it

Il Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un boss ai quartieri spagnoli di

Un orso morto nel bel mezzo di un vicolo di Napoli è una notizia. Se poi l'orso è stato ucciso con tre colpi di pistola, è anche un'occasione: almeno per Tony Perduto, cronista freelance, a cui lo scoop può fruttare la rara fortuna di un pezzo in prima pagina. E anche qualche articolo di costume: dalle interviste ai suoi pittoreschi vicini dei bassi fino al consulto con Giacchino Totip, esperto di numeri del Lotto. A Tony però non basta il colore locale, vuole capire. Mentre la polizia archivia il caso come un avvertimento di camorra, lui non si dà per vinto. Assieme a Marinella, amica dall'abbagliante sorriso, si lancia in un'indagine che lo porterà da uno zoo deserto (ma non abbastanza) a un circo malfamato, e da lì fino ai cunicoli che percorrono il ventre oscuro della città, e che racchiudono molti segreti.

Dettagli sul libro
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

7,0
  • Trama 7,0
  • Personaggi 7,0
  • Stile 7,5
  • Incipit 7,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 6,5

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Antonio Perduto è un giornalista napoletano. Mattiniero doc, quel giorno, il primo dell’estate, è intento a passeggiare come suo solito tra le viuzze dei quartieri spagnoli per godersi il silenzio mattutino che a Napoli è raro se non impossibile trovare. Camminando, si ritrova davanti un orso bruno marsicano morto, steso a terra ‹‹a quattro di bastoni››. La cosa più strana è che non si vede anima viva e soprattutto (omertosamente ovvio!) nessuno ha visto o sentito nulla. Cosa ci fa un orso enorme nel bel mezzo del centro dei quartieri spagnoli? Come ci è arrivato? È scappato e poi è morto? O qualcuno ce lo ha portato e poi lo ha ammazzato? E perché? Sono queste le domande che porteranno il protagonista dell’ultimo romanzo di Antonio Menna, a indagare su questo insolito mistero.Tony sulla trentina, vive da solo all’ultimo piano di un piccolo palazzo. Per vivere svolge tre differenti lavori: è giornalista freelance per un quotidiano locale, scrive articoli su piante e fiori su un sito di botanica e tiene lezioni di doposcuola privato a un bambino di undici anni ”che ne dimostra diciannove” e che Tony chiama affettuosamente ‹‹capa 'e puorco››. Guadagna quel poco che gli serve per andare avanti, è single ma ancora innamorato della sua ex fidanzata (e adesso migliore amica) Marinella.Tony è un po’ goffo. Ha un carattere pacato e introverso che in una città calorosa come Napoli non viene visto con molta simpatia; ma a parte questo è amato dalla piccola comunità dei quartieri, grazie anche al ricordo del compianto nonno, giocatore d’azzardo molto rispettato, che riuscì a giocarsi tutto tranne - per fortuna - la casa dove ora vive il nipote. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Menna Antonio
Menna Antonio

Antonio Menna è nato in Basilicata ma ha sempre vissuto a Napoli. È laureato in... leggi tutto