Ricerca avanzata

L' L' inverno del mondo. The century trilogy. Vol. 2

L' L' inverno del mondo. The century trilogy. Vol. 2 - Follett Ken - wuz.it

di

Cinque famiglie legate l'una all'altra il cui destino si compie durante la metà del ventesimo secolo, in un mondo funestato dalle dittature e dalla guerra. Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. In questi tempi tumultuosi fanno la loro comparsa sulla scena Ethel Leckwith, la formidabile amica di Lady Maud ed ex membro del parlamento inglese, e suo figlio Lloyd, che presto sperimenterà sulla propria pelle la brutalità nazista. Lloyd entra in contatto con un gruppo di tedeschi decisi a opporsi a Hitler, ma avranno davvero il coraggio di tradire il loro paese? A Berlino Carla s'innamora perdutamente di Werner Franck, erede di una ricca famiglia, anche lui con un suo segreto. Ma il destino lì metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo. "L'inverno del mondo", secondo romanzo della trilogia "The Century", prende le mosse da dove si era chiuso il primo libro, ritrovando i personaggi de "La caduta dei giganti", ma soprattutto i loro figli.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

7,2
  • Trama 7,0
  • Personaggi 7,0
  • Stile 7,0
  • Incipit 8,0
  • Finale 8,0
  • Copertina 6,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • librisenzaglo il 07 nov 2020 21:09 Segnala abuso

    Secondo volume della Century Trilogy, L’inverno del mondo è uscito nel 2012 e subito balzato in testa alle classifiche dei libri più venduti. Dedicato alla memoria dei nonni di Follett, questo...

    leggi tutto »

    Secondo volume della Century Trilogy, L’inverno del mondo è uscito nel 2012 e subito balzato in testa alle classifiche dei libri più venduti. Dedicato alla memoria dei nonni di Follett, questo libro comincia dove finiva il primo e porta la storia avanti di una quindicina d’anni o poco più. Si incentra sulla parte centrale, la più cruda, del XX secolo: un passaggio necessario e fondamentale, un po’ quello che il cupo e violento Le due torri rappresenta per la trilogia de Il Signore degli Anelli. “Di passaggio” però non significa noioso e sacrificabile, anzi. In questo caso specifico, si tratta del poderoso collante a tutta la complessità che ha tessuto il ‘900: ben più impressionante per crudezza rispetto al precedente libro, L’inverno del mondo (leggi QUI la recensione) è la maestosa ricostruzione dell’ascesa e della caduta delle grandi ideologie e dei grandi abomini, di come abbiano potuto ispirare o oscurare i popoli, in un senso come nell’altro. Sovente le famiglie protagoniste parlano a tavola e intorno al fuoco un po’ troppo di politica e di guerra, come se non esistessero altri pensieri o argomenti nella loro vita, e se esistessero sarebbero comunque relegati al servizio della Storia con la S maiuscola. Questo non per sminuire la significatività degli eventi di portata mondiale messi in scena, ma per sottolineare come spesso eliminare i tempi morti e noiosi della vita dei personaggi, in letteratura come al cinema, comporta un crollo della verosimiglianza: non sembra più che siano persone esistenti indipendentemente dal racconto, ma soltanto dei personaggi le cui vicende sono al servizio del romanzo e, in maniera più ampia, della Storia. Romanzo magnifico, non c’è che dire. I personaggi umani, meno esagerati del solito rispetto al canone di Ken Follett ma comunque sempre nettamente manichei, facilitano l’immedesimazione del lettore e aiutano la comprensione dei sovra-movimenti storico-politici. Qualche forzatura è inevitabile, le pecche le abbiamo segnalate, ma l’errore storico non sembra essere contemplato dalla visione romanzata dell’autore. Nonostante le circa 1000 pagine, tutto si può dire della scrittura di Follett tranne che non sia fluida e scorrevole, appassionante grazie anche alla maestria con la quale sa intrecciare tensione e mistero, si vedono infatti echi dei suoi principali libri spionistici. Tutto questo, i riferimenti precisi, i personaggi ben strutturati e gli intrighi al cardiopalma, rendono L’inverno del mondo un quasi-capolavoro della letteratura moderna... Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog pop nerd di Libri Senza Gloria: http://librisenzagloria.com/century-trilogy-2-3-linverno-del-mondo/

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Follett Ken
Follett Ken

Scrittore inglese. Laureato in filosofia, poi cronista in un quotidiano, è diventato uno... leggi tutto