Ricerca avanzata

Canti tristi

back

di Pasquale Albani

"Canti tristi" è una silloge di 71 componimenti pubblicata a Melfi dall'autore nell'aprile 1897, poco prima di morire. Delle tante poesie scritte fin dall'età di sedici anni, Pasquale Albani scelse quelle che gli sembravano migliori (in genere le più recenti e le più mature) e che gli permettevano di inserirle in un discorso unitario: le altre restarono fuori, compreso il sonetto "Dietro un suo ritratto", inserito qui, in appendice, assieme all'ode "Alla bandiera italiana" stampata, sempre a Melfi, due mesi prima. Questa edizione, che riproduce il testo originale, è arricchita da note a piè di pagina e da un saggio introduttivo di Michele Battaglino. «Quando non si lascia irretire dal repertorio lessicale della tradizione letteraria italiana né ammaliare da grappoli aggettivali aridi, refrattari allo splendore della luce e all'armonia del suono, allora l'Albani sciorina versi melodiosi che parlano delle sue speranze e illusioni, dei suoi sogni di gloria e di amore, delle sue ansie, dei suoi dubbi, tormenti, dolori, dei suoi sentimenti che, per la loro sincerità e profondità, colpiscono emotivamente il lettore, perché da personali quei sentimenti sono diventati universali» (dal saggio introduttivo di Michele Battaglino).

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?