Ricerca avanzata

Cognizione e psicopatologia

back

di Amelia Gangemi, Francesco Mancini

Nei diversi ambiti del ragionamento (deduttivo, probabilistico e decisionale) razionalità e irrazionalità non coincidono affatto con sanità mentale e disturbi psicologici o psichiatrici. Neppure sotto il profilo quantitativo. Ragionamenti formalmente corretti possono avere effetti disastrosi, per esempio nel mantenimento dei disturbi d'ansia e dell'umore. Nei pazienti il pensiero non segue infatti regole diverse da quelle a cui si attengono i soggetti "sani". Anzi, numerosi risultati sperimentali dimostrano che i primi ragionano in modo formalmente più corretto dei secondi, ma solo all'interno dei loro domini sintomatici, per l'insorgere dei quali il pensiero svolge un ruolo cruciale: essi via via diventano sempre più abili nel costruire modelli mentali della situazione problematica. Il libro di Amelia Gangemi e Francesco Mancini illustra per la prima volta in modo sistematico le relazioni tra razionalità e psicopatologia e le conseguenze pratiche per il trattamento in psicoterapia cognitiva.

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?