Ricerca avanzata

La psicoanalisi come esercizio critico

back

di Giovanni Jervis

Va applicato in primo luogo alla psicoanalisi stessa quell'«esercizio critico» in cui Jervis ravvisa il compito specifico di una psicoanalisi non ridotta a corpus sistematico di dottrine, o a mitologia della psiche, o a chiacchiera intellettuale. Cardine della revisione epistemica qui messa in atto è infatti l'apertura a «una serie di ipotesi freudiane» sviluppate a partire da «una prospettiva etologica (e quindi darwinista)» e da «un orientamento funzionalistico basato sui concetti biologici di equilibrio e di adattamento». La difficile eredità del freudismo può essere valorizzata solo in senso trasformativo, al di là di arroccamenti difensivi o attacchi detrattori. Un raro esempio - quello di Jervis - di come trattare con autentico spirito illuministico una teoria di confine tra scienza e umanismo.

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?