Ricerca avanzata

La lettera e il pianoforte. Quartetto ottomano

di Ahmet Altan

Al centro di questo romanzo c'è la figura enigmatica di Nizam, il figlio di Hikmet Bey che ritorna da Parigi e vive una tormentata storia d'amore con una pianista russa, Anya. Intanto attorno a lui continua la disgregazione dell'Impero ottomano, tra rivolte dei popoli sottomessi, intrighi di palazzo e colpi di stato all'interno. Siamo nel 1913 e, mentre l'esercito bulgaro incalza le truppe ottomane, il sultano deposto Abdülhamid torna a Istanbul, città spazzata dal colera, e gli Unionisti (più tardi diventeranno i Giovani Turchi riformatori), si apprestano a rovesciare il governo. Le scene di guerra o d'amore, sono inframmezzate da descrizioni approfondite degli stati d'animo dei personaggi, le cui debolezze e contraddizioni sono cesellate perfettamente. Seguiamo in un crescendo di intensità la storia d'amore tra Nizam e Anya, che si fa sempre più ossessiva, ma anche i dilemmi del coraggioso e fiero ufficiale Rag?p Bey e della sua amata Dilara Han?m, così come il dolore di Rukiye per la perdita del marito.

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?