Ricerca avanzata

La guerra e la festa. L'inganno della violenza

back

di Eligio Resta

Dare la morte per evitare la morte: l'arrogante giustificazione della tanatopolitica porta al compimento più tragico il gioco del rapporto tra il diritto e la violenza, accomunati più che dalla logica della potenza, da quella dell'ambivalenza. Il pensiero occidentale si è da sempre sedimentato sulla copresenza di doppi codici, di cui bene e male, vittima e carnefice, vita e morte non sono che esempi. Eppure la complessità insondabile dell'esistenza eccede sempre il diritto, oltrepassa le regole dei sistemi, pronta a riemergere anche nelle forme più tragiche. Solo un secondo sguardo potrà illuminare gli aspetti inusitati del gioco della punizione e scovare le segrete complicità tra delitti e pene, le ambivalenze che la violenza conserva e i suoi rimedi si portano dietro.

Dettagli sul libro

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?