Ricerca avanzata

I I giorni dell'eternità. The century...

I I giorni dell'eternità. The century trilogy. Vol. 3 - Follett Ken - wuz.it

I I giorni dell'eternità. The century trilogy. Vol. 3 di

"I giorni dell'eternità" è la conclusione della trilogia "The century", dedicata al Novecento, nella quale Ken Follett segue il destino di cinque famiglie legate tra loro: una americana, una tedesca, una russa, una inglese e una gallese. Dai palazzi del potere alle case della gente comune, le storie dei protagonisti si snodano e si intrecciano nel periodo che va dai primi anni sessanta fino alla caduta del Muro di Berlino, passando attraverso eventi sociali, politici ed economici tra i più drammatici e significativi del cosiddetto "secolo breve": le lotte per i diritti civili in America, la crisi dei missili di Cuba, la Guerra fredda, ma anche i Beatles e la nascita del rock'n'roll. Quando Rebecca Hoffmann, insegnante della Germania Est, scopre di essere stata spiata per anni dalla Stasi prende una decisione che avrà pesanti conseguenze sulla sua famiglia. In America, George Jakes, figlio di una coppia mista, rinuncia a una promettente carriera legale per entrare al dipartimento di Giustizia di Robert Kennedy e partecipa alla dura battaglia contro la segregazione razziale. Cameron Dewar, nipote di un senatore del Congresso, non si lascia scappare l'occasione di fare spionaggio per una causa in cui crede fermamente, ma solo per scoprire che il mondo è molto più pericoloso di quanto pensi. Dimka Dvorkin, giovane assistente di Nikita Chruscëv, diventa un personaggio di spicco proprio mentre Stati Uniti e Unione Sovietica si ritrovano sull'orlo di una crisi che sembra senza via d'uscita.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

7,7
  • Trama 8,0
  • Personaggi 8,0
  • Stile 7,0
  • Incipit 8,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 8,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • librisenzaglo il 14 nov 2020 11:49 Segnala abuso

    Esattamente come i suoi predecessori, anche l’ultimo episodio della Century Trilogy, uscito nel 2014, è balzato in testa alle classifiche dei più venduti in quasi tutti i Paesi nei quali è stato...

    leggi tutto »

    Esattamente come i suoi predecessori, anche l’ultimo episodio della Century Trilogy, uscito nel 2014, è balzato in testa alle classifiche dei più venduti in quasi tutti i Paesi nei quali è stato distribuito. La mole de "I giorni dell’eternità" supera però i precedenti romanzi con le sue oltre milleduecento pagine. I continui e accorti recap disseminati lungo la strada da Ken Follett aiutano i lettori affezionati a riannodare i fili delle vicende passate e informano i nuovi lettori sul background fondamentale delle famiglie ricorrenti. L’intreccio delle sorti di queste “solite” cinque famiglie internazionali è il perenne alibi per raccontarci il meglio e il peggio del breve secolo scorso con il privilegiato punto di vista del “dietro le quinte”. Lo diciamo subito, nonostante alcuni temi ancora oggi scottanti (come la segregazione razziale e le leggi omofobe – e questo la dice lunga sui traumi irrisolti dei nostri avi), l’ultimo atto di questa titanica impresa non ha il fascino dei precedenti: non lo hanno gli eventi storici raccontati, troppo vicini a noi e meno drammatici di quelli che li hanno preceduti. Gli eventi si dipanano lungo un ventennio, quello che va dall’edificazione del Muro di Berlino alla (ATTENZIONE SPOLER) demolizione dello stesso: un ventennio di rapidi cambiamenti sociali e storici, forse più rapidi che nel restante già di per sé rapido secolo Novecento. Ed è proprio a causa della nostra vicinanza temporale a quel periodo che stavolta, nonostante l’offerta dei punti di vista contrastanti, l’autore fa emergere una prospettiva più personale (nel caso specifico, si legga “laburista“) rispetto alla lente sovra-storica che aveva giustamente adattato nei precedenti volumi. Basti pensare al revisionismo liberaldemocratico che Follett tenta di operare nella seconda parte del libro, senza dimenticare di assegnare le giuste batoste ai personaggi repubblicani, dai “veri” Nixon e Reagan al “falso” Cameron Dewar, come negli altri volumi non le aveva risparmiate agli aristocratici. Ciò non significa che quest’ultima lezione di storia mondiale sia viziata da una componente politica (e a tratti autobiografica, viene il sospetto), ma significa che ci eravamo sbagliati a considerarla una lezione di storia. La scrittura vivace mescola fantasia e realtà, con i personaggi inventati che interagiscono quasi simbioticamente con quelli davvero esistiti, forse stavolta l’autore sbilanciandosi verso la componente storica ma comunque riuscendo a portare degnamente a compimento i destini dei suoi personaggi di finzione dislocati in giro per il mondo. Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog pop nerd di Libri Senza Gloria: http://librisenzagloria.com/century-trilogy-3-3-i-giorni-delleternita/

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Follett Ken
Follett Ken

Scrittore inglese. Laureato in filosofia, poi cronista in un quotidiano, è diventato uno... leggi tutto