Ricerca avanzata

Il Il gioco delle tre carte

Il Il gioco delle tre carte - Malvaldi Marco - wuz.it

di

Ritorna, con la seconda avventura dopo "La briscola in cinque", la squadra di investigatori del BarLume di Pineta, detto anche "l'asilo senile". A parte il barista Massimo e la sua banconista, la bella e comprensiva Tiziana, il più giovane del gruppo è Aldo, ultrasettantenne gestore dell'osteria Boccaccio. Seguono Nonno Ampelio, Pilade, il Del Tacca del Comune, il Rimediotti. La loro attività, unica, più che principale, si svolge nel presidiare il BarLume e, dietro il paravento della partita a carte, passare al setaccio tutti gli avvenimenti di Pineta, in un pettegolezzo toscano senza eufemismi e senza ritrosie. Qualche volta resta nelle maglie fitte della rete, un fatto criminale. In realtà è Massimo, pronto all'intuizione ma svogliato all'azione, che è spinto a investigare, richiesto casualmente dal commissario Fusco. I vecchietti fanno da polo dialettico in un contraddire minuzioso che però facilita la sintesi: corale ambientazione umana, provinciale e antiglobalizzata (lenta, senza preoccupazione di efficienza mezzo-fine). Uno sfondo di commedia italiana a dei gialli enigmistici la cui soluzione è affidata alla virtù del ragionamento e alla fortuna del caso. Nel gioco delle tre carte un esercizio di abilità e di elusione fornisce lo schema per risolvere un enigma criminoso consistente nel nascondere ostentando. Nel corso di un congresso, viene ucciso un professore giapponese. La chiave del mistero è in un computer che in apparenza non contiene niente di significativo.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 54 lettori

Il voto della community

7,5
  • Trama 7,6
  • Personaggi 7,8
  • Stile 7,5
  • Incipit 7,4
  • Finale 7,2
  • Copertina 7,2

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • librisenzaglo il 01 gen 2022 13:56 Segnala abuso

    Al centro della trama de Il gioco delle tre carte (2008), secondo romanzo della serie del Bar Lume di Marco Malvaldi, abbiamo il barista (anzi barrista) Massimo, sveglio ma svogliato, e la sua...

    leggi tutto »

    Al centro della trama de Il gioco delle tre carte (2008), secondo romanzo della serie del Bar Lume di Marco Malvaldi, abbiamo il barista (anzi barrista) Massimo, sveglio ma svogliato, e la sua procace banconista Tiziana: quando viene ucciso un professore giapponese (Asahara) nel corso di un congresso (il XII International Workshop on Macromolecular and Biomacromolecular Chemistry - e ricordiamo che Malvaldi è chimico egli stesso) organizzato dal Dipartimento di Chimica (dell'Università di Pisa), Massimo si ritrova a indagare perché gli viene richiesto "casualmente" dal commissario di polizia Vinicio Fusco. Gli fanno da contrappunto dialettico i quattro arzilli vecchietti che compongono l'Asilo Senile del BarLume: ogni pomeriggio, tutti i pomeriggi, lo trascorrono lì al bar dando a Massimo non pochi grattacapi. Seduti nel punto più fresco del cortile, ovvero all'ombra dell'olmo, ogni giorno si ritrovano a giocare a carte, e fra una partita e l'altra i loro infiniti pettegolezzi setacciano tutti gli avvenimenti di Pineta, anche e soprattutto quando si tratta di trovare il bandolo della matassa afferente a un crimine. La cittadina toscana di Pineta, che ha anche una pineta (non solo nel nome), è una frazione di cinquemila anime nella provincia di Pisa. Il BarLume di Massimo, a questo punto, per i pinetani deve un po' apparire come La signora in giallo: un elemento di paesaggio che porta una iella fuori dal comune! In questo episodio autoconclusivo abbiamo anche una velata critica al mondo universitario, dove i luminari sono tutti in competizione fra di loro. Le parti più spassose sono ovviamente le strampalate congetture dei quattro arzilli ficcanaso che non possono non ricordarci quelli di Amici miei. Ne Il gioco delle tre carte l'ambientazione corale della provincia ricorda la grande commedia all'italiana mentre la risoluzione è affidata tanto all'intuito quanto al caso. Per concludere, ci troviamo davanti a una lettura veloce, ricca di ironia toscana e senza splatter, tanto che potremmo affermare sia più una commedia che un vero giallo… Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog pop nerd di Libri Senza Gloria: https://librisenzagloria.com/il-gioco-delle-tre-carte-di-marco-malvaldi/

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(54)

Tutti i lettori

Biografia

Malvaldi Marco
Malvaldi Marco

Marco Malvaldi, laureato in chimica presso l'Università di Pisa, ha provato a fare il... leggi tutto