Ricerca avanzata

La La firma del puparo

La La firma del puparo - Riccardi Roberto - wuz.it

di

A volte le tracce del passato affiorano come sugheri nel mare. Ecco allora che Nino Calabro, l'amico d'infanzia che Liguori ha arrestato per droga, annuncia di voler collaborare con la legge. Ad aprirsi è un vaso di Pandora, che porta l'ufficiale a indagare sulla scomparsa di un cronista palermitano. Di colpo il tempo non gli basta più: deve svelare il mistero, contrastare una guerra di mafia, decifrare i messaggi del puparo che muove i fili di tutto, proteggere i familiari del pentito minacciati dai sicari di Cosa Nostra e della 'ndrangheta.

Dettagli sul libro

Il voto della community

0,0
  • Trama
  • Personaggi
  • Stile
  • Incipit
  • Finale
  • Copertina

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Un altro Rocco, oltre a Rocco Schiavone, sulla scena del romanzo poliziesco/noir/criminale italiano. I due Rocco sono talmente diversi che è impossibile confonderli. Il Rocco Schiavone di Antonio Manzini è il più antipatico/simpatico vicequestore che indaga sui delitti commessi ad Aosta infradiciandosi le Clarks che si intestardisce a voler indossare come se vivesse ancora a Roma. Il Rocco Liguori di Roberto Riccardi è un tenente dei Carabinieri così rifulgente nella sua immaginaria armatura, così integerrimo e al di sopra di ogni sospetto, da farci rivalutare l’Arma (lo stesso Roberto Riccardi riveste il grado di colonnello dei Carabinieri, oltre ad essere scrittore e giornalista). Nel romanzo precedente, Venga pure la fine, Rocco Liguori veniva chiamato in Olanda, dove un criminale di guerra bosniaco, con cui Rocco aveva intrattenuto una corrispondenza, aveva cercato di suicidarsi. Nel nuovo libro, La firma del puparo, un altro carcerato che Rocco conosce molto bene chiede di parlare con lui. Di più: Nino Calabrò è un pentito della ‘ndrangheta e accetta di parlare soltanto se sarà Rocco Liguori a farsi carico personalmente della protezione della sua famiglia che si troverebbe in una condizione di altissimo rischio, non appena Nino incominciasse a parlare, a fare nomi, a sollevare il coperchio del vaso di Pandora. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Biografia

Riccardi Roberto
Riccardi Roberto

Colonnello dell'Arma e giornalista, capo ufficio stampa del Comando Generale carabinieri,... leggi tutto