Ricerca avanzata

'E cunte... d' 'e bbestie. Liberamente...

'E cunte... d' 'e bbestie. Liberamente ispirato alle favole di Esopo e adattato alla lingua napoletana da Giuseppina Capobianco. Testo napoletano e italiano - Capobianco Giuseppina - wuz.it

'E cunte... d' 'e bbestie. Liberamente ispirato alle favole di Esopo e adattato alla lingua napoletana da Giuseppina Capobianco. Testo napoletano e italiano di

Di Esopo, antico favolista greco vissuto nel VI sec. A.C. si hanno conoscenze soltanto episodiche. Secondo molti giunse in Grecia come schiavo dall'Africa (non a caso la tradizione orale di molti popoli africani include favole con animali personificati il cui stile ricorda molto da vicino quello di Esopo). Divenuto libero visse alla corte di Creso, dove conobbe Solone, e a Corinto, dove ebbe occasione di conoscere i Sette Saggi. Già popolare ad Atene nel V sec. A.C. divenne presto un personaggio leggendario dalla vita avventurosa. Si dice che Esopo fosse di aspetto orribile, gobbo e balbuziente; una sua statua grottesca, di marmo, si trova a Roma a Villa Albani.

Dettagli sul libro

Il voto della community

0,0
  • Trama
  • Personaggi
  • Stile
  • Incipit
  • Finale
  • Copertina

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Biografia

Capobianco Giuseppina
Capobianco Giuseppina

leggi tutto