Ricerca avanzata

È così che si uccide

È così che si uccide - Zilahy Mirko - wuz.it

di

La pioggia di fine estate è implacabile e lava via ogni traccia: ecco perché stavolta la scena del crimine è un enigma indecifrabile. Una sola cosa è chiara: chiunque abbia ucciso la donna, ancora non identificata, l'ha fatto con la cura meticolosa di un chirurgo, usando i propri affilati strumenti per mettere in scena una morte. Perché la morte è uno spettacolo. Lo sa bene, Enrico Mancini. Lui non è un commissario come gli altri. Lui sa nascondere perfettamente i suoi dolori, le sue fragilità. Si è specializzato a Quantico, lui, in crimini seriali. È un duro. Se non fosse per quella inconfessabile debolezza nel posare gli occhi sui poveri corpi vittime della cieca violenza altrui. È uno spettacolo a cui non riesce a riabituarsi. E quell'odore. L'odore dell'inferno, pensa ogni volta. Così, Mancini rifiuta il caso. Rifiuta l'idea stessa che a colpire sia un killer seriale. Anche se il suo istinto, dopo un solo omicidio, ne è certo. E l'istinto di Mancini non sbaglia: è con il secondo omicidio che la città piomba nell'incubo. Messo alle strette, il commissario è costretto ad accettare l'indagine... E accettare anche l'idea che forse non riuscirà a fermare l'omicida prima che il suo disegno si compia. Prima che il killer mostri a tutti - soprattutto a lui - che è così che si uccide.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 4 lettori

Il voto della community

7,0
  • Trama 7,0
  • Personaggi 7,0
  • Stile 7,0
  • Incipit 7,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 7,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • angebet il 22 gen 2016 10:45 Segnala abuso

    Ingredienti: un’ombra cupa e gigantesca come serial-killer, un commissario triste e solitario accomunato al carnefice da un passato doloroso, la città eterna descritta in vari siti...

    leggi tutto »

    Ingredienti: un’ombra cupa e gigantesca come serial-killer, un commissario triste e solitario accomunato al carnefice da un passato doloroso, la città eterna descritta in vari siti post-industriali, una sequenza inspiegabile di delitti che solo nel finale troverà la sua spiegazione logica. Consigliato: a chi cerca il lato più oscuro della giustizia, a chi ama storie catartiche di anime sommerse dal dolore, abbandonate dall’amore e braccate dalla morte.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(4)

Tutti i lettori

Biografia

Zilahy Mirko
Zilahy Mirko

Mirko Zilahy ha insegnato lingua e letteratura italiana a Dublino ed è cultore di lingua e... leggi tutto