Ricerca avanzata

La La ballata di Adam Henry

La La ballata di Adam Henry - McEwan Ian - wuz.it

di

"Divino distacco, diabolica perspicacia": cosi si mormora negli ambienti giudiziari londinesi a proposito di Fiona Maye, giudice dell'Alta Corte britannica in servizio presso la litigiosa Sezione Famiglia. Sposata da trentacinque anni con lo stesso uomo e senza figli, il giudice Maye ha dedicato tutta la sua carriera alla composizione di dissidi sanguinosi spesso giocati nella carne di chi un tempo si è amato. Battaglie feroci per l'affidamento di figli non più condivisi, baruffe patrimoniali, esplosioni d'irrazionalità cui il giudice Maye oppone un paziente esercizio di misura e sobrietà nella convinzione di "poter restituire ragionevolezza a situazioni senza speranza". I casi su cui è chiamata a pronunciarsi popolano i giorni e ossessionano le notti di Fiona, calcandone la coscienza. Forse la rendono più sfuggente, distratta. Sarà dunque a questo che si deve l'oltraggiosa richiesta di suo marito Jack? "Ho bisogno di una bella storia passionale", un "ultimo giro" extraconiugale con la ventottenne Melanie, esperta di statistica. Umiliata, ferita, "abbandonata agli albori della vecchiaia", Fiona cerca rifugio, come d'abitudine, nel caso successivo. È quello di Adam Henry, violinista dilettante, poeta in erba, diciassette anni e nove mesi, troppo pochi per decidere autonomamente della propria vita o della propria morte. Adam è affetto da una forma aggressiva di leucemia che richiede trattamento immediato.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 13 lettori

Il voto della community

8,6
  • Trama 8,3
  • Personaggi 8,3
  • Stile 9,3
  • Incipit 8,3
  • Finale 8,7
  • Copertina 8,3

BOOKeca

mostra altri

Commenti (1)

  • pat 01 dic 2014 15:28 Segnala abuso

    Il peso della scelta: il giudice Fiona è al bivio tra la vita e la morte, il matrimonio e la solitudine, le responsabilità degli adulti e la seduzione della giovinezza.

    Il peso della scelta: il giudice Fiona è al bivio tra la vita e la morte, il matrimonio e la solitudine, le responsabilità degli adulti e la seduzione della giovinezza.

    « chiudi

  • Cirodeniro il 21 set 2015 09:56 Segnala abuso

    Fiona Maye è una magistrata quasi sessantenne, in crisi matrimoniale, la cui esistenza scorre sostituendo il vuoto della mancanza di figli con una totale dedizione alla propria professione. Il suo...

    leggi tutto »

    Fiona Maye è una magistrata quasi sessantenne, in crisi matrimoniale, la cui esistenza scorre sostituendo il vuoto della mancanza di figli con una totale dedizione alla propria professione. Il suo comportamento si adegua alle regole di una vita emozionalmente rigida. Ma tutto cambierà quando le viene affidato il caso di Adam Henry, un giovane minorenne malato di leucemia, che senza urgenti emotrasfusioni rischia una morte certa e dolorosa. L’ovvietà di un atto volto a concedergli una speranza di vita sembra evidente, ma ad esso si opporranno lo stesso giovane e i suoi genitori, testimoni di Geova osservanti. Il provvedimento che Fiona adotterà, unito al pressante dolore della recente delusione amorosa, intaccherà la sua dura corazza evidenziando la relatività di prendere le giuste decisioni. Leggere un romanzo di McEwan è sempre un piacere. Anche se in quest’opera c’è un’evidente sperequazione tra la figura di Fiona, magistralmente descritta, e quella assai lacunosa del giovane Henry, il suo stile è sempre eccellente.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Nel tribunale di Londra, Sezione Famiglie, convergono i casi più tipici della società contemporanea, dalla spartizione del patrimonio in caso di divorzio all'affidamento dei figli, fino alle terapie forzate imposte a minori o a interventi clinici su soggetti non in grado di decidere autonomamente. Nonostante la crucialità dei temi e la delicatezza delle sentenze da emettere, il giudice Fiona Maye è riuscita fin qui ad assicurarsi, oltre alla stima e al successo professionale, anche una invidiabile serenità nella vita privata. 'Questo è un tribunale che applica la legge, non la morale' scrive Fiona nell'incipit di una importante sentenza, citando sì un grande giudice del passato ma facendone anche una rasserenante regola personale. Sposata a Jack da più di trent'anni, può ancora contare sulla complicità, il dialogo, la fiducia reciproca e gli interessi comuni di una coppia ben riuscita. O meglio, poteva contare. Fino alla sera che apre il racconto, quando Jack con inattesa veemenza reclama per sé il diritto di vivere ancora una nuova passione amorosa e involontariamente innesca in Fiona una crisi profonda in cui pubblico e privato (il dolore degli altri e il proprio) si confondono drammaticamente. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(13)

Tutti i lettori

Biografia

McEwan Ian
McEwan Ian

Scrittore e sceneggiatore britannico. Esordisce con due raccolte di novelle, Primo amore, ultimi... leggi tutto