Ricerca avanzata

Vita e morte di un ingegnere

Vita e morte di un ingegnere - Albinati Edoardo - wuz.it

di

A cosa serve un padre? E cosa resta di lui se non un mito? C'era una volta un'Italia attiva e industriosa, attraverso cui scorrazzavano sulle loro Alfa Romeo uomini di multiforme ingegno: gli imprenditori. L'ingegner Albinati era uno di questi, prototipo di una razza al tempo stesso serissima e scanzonata, di pionieri del benessere e fumatori accaniti. Ma la sua spinta vitale all'improvviso cambia di segno trasformandosi in malattia, che lo divora e se lo porta via in nove mesi, in una paradossale gestazione al contrario. "Vita e morte di un ingegnere" racconta il decadimento fisico e le ossessioni, le vane speranze, e poi tentennamenti, slanci e rimorsi. In una memoria di crudele precisione, nutrita di tutto il risentimento e dell'amore che si può nutrire verso un padre che non hai abbracciato una sola volta in vita tua, Edoardo Albinati ricostruisce la lunga fuga di un uomo talentuoso attraverso i corridoi del boom economico, i doveri della famiglia, le aspirazioni segrete e indicibili, e infine il male che obbliga a chiedersi: chi sono? Cosa ho vissuto a fare? Chi ho amato veramente? Ritrovato il ritratto del padre in frantumi, Albinati ha provato pazientemente a ricomporlo. Inseguendone la parabola umana negli anni dell'affermazione e poi nel doloroso epilogo, le sue pagine ridanno vita a una generazione di uomini instancabili che hanno costruito e al tempo stesso disfatto la loro vita, pagando questa impresa con un'incolmabile distanza dai propri figli.

Dettagli sul libro
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

0,0
  • Trama
  • Personaggi
  • Stile
  • Incipit
  • Finale
  • Copertina

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Un cappello elegante, di foggia classica, un Borsalino color tabacco appoggiato su di un panno di raso verde. Un paio di occhiali dalla montatura in tartaruga, le lenti leggermente fumé. Un accendino Zippo, il coperchio sollevato, dal quale ci sembra di sentir provenire un’esalazione intensa di benzina. Un pacchetto morbido di sigarette Marlboro, aperto da poco; le bionde che fanno capolino offrendosi alla mano di chi le fumerà.Sono tutti indizi sicuri: un uomo è stato qui. Chi è l’ingegnere di cui questo libro promette di raccontare vita e morte? Quando avremo finito di leggere il libro che Edoardo Albinati ha dedicato a suo padre, forse ne sapremo un po’ di più.Ma sapremo anche che raccontare vita e morte di un uomo – il più vicino e inaccessibile fra tutti gli uomini – non significa affatto penetrarne il mistero, perché vita e morte possono a volte non essere che il disegno visibile di una traiettoria mossa da un motore che resta ostinatamente nascosto agli occhi del mondo.Questo libro racconta il rapporto tra un un figlio e suo padre. Un rapporto che neppure il filtro della distanza, a più di vent'anni dalla morte del padre, riesce a inquadrare completamente, né a pacificare.E allora la cronaca che Albinati dà di quel rapporto somiglia in parte a un tributo: alle proprie ragioni, a quelle dell'altro, alla fisiologica impossibilità di trovare una zona in cui le une e le altre potessero essere parimenti valide, e coesistere. E però questo libro è anche letteratura, pur non romanzando affatto, perché riesce a mostrare molto bene come dietro alla più ordinata delle esistenze continui a pulsare un mistero inattingibile, attorno al quale possiamo solo imbastire il racconto - e, così facendo, almeno in parte riscattarlo.È la storia, quella raccontata in Vita e morte di un ingegnere, di un uomo che ha mosso una guerra segreta a sé stesso, al punto che la malattia che lo colpisce - terribile, velocissima ed implacabile - sembra l'allegoria di un conflitto già in corso da lungo tempo. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Albinati Edoardo
Albinati Edoardo

Edoardo Albinati è nato a Roma nel 1956. Ha pubblicato libri di narrativa e poesia, tra... leggi tutto

Liste con questo libro

Vedi tutte le liste con questo libro