Ricerca avanzata

Purity

Purity - Franzen Jonathan - wuz.it

di

La giovane Purity Tyler, detta Pip, non conosce la sua vera identità. Sua madre, per un motivo misterioso, non vuole rivelarle chi è suo padre, l'uomo dal quale è fuggita prima che Pip nascesse, cambiando nome e ritirandosi a vivere nell'anonimato tra i boschi della California settentrionale. Pip è povera: ha un pesante debito studentesco da ripagare e vive in una casa occupata a Oakland, frequentata da un gruppo di anarchici. Ed è proprio lì che incontra Annagret, un'attivista tedesca che le apre le porte di uno stage con il Sunlight Project, l'organizzazione fondata dal famoso e carismatico Andreas Wolf, un leaker rivale di Julian Assange, allo scopo di rivelare i segreti dei potenti. Pip parte per la Bolivia, dove ha sede il Sunlight Project, con la speranza di poter usare la tecnologia degli hacker per svelare il segreto dell'identità di suo padre. Ma l'incontro con Andreas Wolf si rivela sconvolgente per molti motivi. Anche Andreas ha un terribile segreto nascosto nel suo passato, negli anni in cui viveva a Berlino Est come figlio ribelle di una madre squilibrata e di un padre pezzo grosso del Partito Comunista. Lo rivela proprio a Pip, con la quale instaura una relazione intensa e morbosa. Forse i suoi moventi segreti sono legati a Tom Aberant, il giornalista di Denver per il quale Pip andrà a lavorare dopo lo stage con il Sunlight Project, destabilizzando la relazione di Tom con la sua compagna Leila e portando un grande sconvolgimento anche nelle loro vite...

Dettagli sul libro
2 recensioni
Nella libreria di 4 lettori

Il voto della community

7,3
  • Trama 7,0
  • Personaggi 7,0
  • Stile 8,5
  • Incipit 7,0
  • Finale 7,0
  • Copertina 7,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • sabrinapamela il 13 ago 2016 22:33 Segnala abuso

    Non è un caso che scorrendo varie recensioni sul web io abbia trovato una notevole discrepanza tra l'ambiente giornalistico-letterario che incensa l'autore, nume indiscusso della letteratura...

    leggi tutto »

    Non è un caso che scorrendo varie recensioni sul web io abbia trovato una notevole discrepanza tra l'ambiente giornalistico-letterario che incensa l'autore, nume indiscusso della letteratura nordamericana, e le recensioni dei lettori comuni che trovano invece, per la gran parte, questo libro non esattamente una meraviglia. Chiaramente alcuni l'hanno adorato, ma tantissimi l'hanno detestato. Io mi sento più vicina a questi ultimi... Purity, per tanti aspetti, è un libro noioso. Almeno per me. La trama è molto complicata, con salti temporali e ambientali spiazzanti. I personaggi sono tutt'altro che simpatici. È comunque c'è troppo di tutto, si va dalla Germania Est ai leaks, mettendo tutto insieme in un'insalata di vicende troppo contorta. Alcuni passaggi sono forzati, troppo fortunose alcune coincidenze che sembrano rispondere all'esigenza di tenere insieme i personaggi. Tutte riconducono, guarda caso, al mistero con cui si apre il romanzo (chi è il padre di Pip?). La tessa storia d'amore tra Tom e Anabel, che sembrava un fuoco imparagonabile a qualunque altro, si spegne in un litigio, che banalizza il ritrovarsi. L'unica cosa che mi sento di salvare è il concetto di purezza, ricercata da tutti i personaggi, ma mai praticata da nessuno (meno che meno dal re dei leaks, Andreas Wolf, che, mentre predica a tutto il mondo, la necessità della trasparenza, pubblicando documenti segreti di chiunque, di sé nasconde un terribile segreto. Mah...insomma non mi ha convinto.

    « chiudi

     
  • Cirodeniro il 02 ago 2016 16:53 Segnala abuso

    Purity fugge da un rapporto difficile e complesso con la madre, alla ricerca del padre che non ha mai conosciuto. Questa è la storia. I protagonisti sono uomini fragili, o malvagi, donne complicate...

    leggi tutto »

    Purity fugge da un rapporto difficile e complesso con la madre, alla ricerca del padre che non ha mai conosciuto. Questa è la storia. I protagonisti sono uomini fragili, o malvagi, donne complicate e infelici, madri ossessive. Persone confuse e insoddisfatte che, non volendo rinunciare ai propri individualismi, non riescono ad avere un racconto comune. Il romanzo è anche un libro sull’amore: quello infinito di Tom e Anabel, quello intenso e morboso di Andreas e Purity, quello patologico di Purity e la madre. E tanti altri tipi d’amore. Tutti destinati a finire. Perché l’amore divora se stesso. Chi non stima Franzen non cambierà parere con questa lettura. Ma chi ha amato lo straordinario autore di ‘Le Correzioni’, qui lo ritroverà in pieno. Consigliatissimo.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Leggere Purity significa partecipare a una seduta psicanalitica di gruppo in cui i pazienti sotto analisi sono i figli della Grande Recessione, una generazione deresponsabilizzata dagli effetti dalla crisi e imprigionata nel Web, un moderno Panopticon da cui viene cresciuta in affidamento perché orfana dei padri, quei narcisisti cronici e tormentati compulsivi la cui ricerca pare vana.La protagonista è Pip, una ventitreenne sommersa dal debito studentesco e piena di complessi di inferiorità nei confronti dei coetanei, imbarazzi causati dalla condizione economica precaria e dalle conseguenze di un’adolescenza solitaria, resa complicata dalla scomoda madre, una hippy ipocondriaca morbosamente attaccata alla figlia. Pip - diminutivo di Purity - vive da squatter in un appartamento in condivisione con una coppia sposata, uno schizofrenico e un disabile mentale, personaggi per cui si prova una gran fatica a provare empatia, come spesso accade con gli emarginati che popolano i mondi di Franzen, perché la loro condizione tragicomica sembra la conseguenza di una meritata colpa trascendentale di cui tutta l’umanità sembra partecipe. A rendere ancora più sconsolante la vita della protagonista il lavoro in un call center, impiego portato avanti in modo scostante, con risultati imbarazzanti sul fronte vendite. Sull’orlo del licenziamento, Pip maledice il giorno in cui decise di frequentare l’università - quattro anni di libertà dalla madre a fronte di un debito che mai riuscirà a ripagare - un’esperienza che non l’ha arricchita nemmeno dal punto di vista formativo poiché capace solamente di acuire un fatale senso di diversità rispetto al resto del mondo. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(4)

Tutti i lettori

Biografia

Franzen Jonathan
Franzen Jonathan

Jonathan Franzen è uno scrittore statunitense. Pubblica regolarmente racconti e saggi su... leggi tutto