Ricerca avanzata

Pista nera

Pista nera - Manzini Antonio - wuz.it

di

Semisepolto in mezzo a una pista sciistica sopra Champoluc, in Val d'Aosta, viene rinvenuto un cadavere. Sul corpo è passato un cingolato in uso per spianare la neve, smembrandolo e rendendolo irriconoscibile. Poche tracce lì intorno per il vicequestore Rocco Schiavone da poco trasferito ad Aosta: briciole di tabacco, lembi di indumenti, resti organici di varia pezzatura e un macabro segno che non si è trattato di un incidente ma di un delitto. La vittima si chiama Leone Miccichè. È un catanese, di famiglia di imprenditori vinicoli, venuto tra le cime e i ghiacciai ad aprire una lussuosa attività turistica, insieme alla moglie Luisa Pec, un'intelligente bellezza del luogo che spicca tra le tante che stuzzicano i facili appetiti del vicequestore. Davanti al quale si aprono tre piste: la vendetta di mafia, i debiti, il delitto passionale. Quello di Schiavone è stato un trasferimento punitivo. È un poliziotto corrotto, ama la bella vita. Però ha talento. Mette un tassello dietro l'altro nell'enigma dell'inchiesta, collocandovi vite e caratteri delle persone come fossero frammenti di un puzzle. Non è un brav'uomo ma non si può non parteggiare per lui, forse per la sua vigorosa antipatia verso i luoghi comuni che ci circondano, forse perché è l'unico baluardo contro il male peggiore, la morte per mano omicida ("in natura la morte non ha colpe"), o forse per qualche altro motivo che chiude in fondo al cuore.

Dettagli sul libro
2 recensioni
Nella libreria di 29 lettori

Il voto della community

7,3
  • Trama 7,4
  • Personaggi 7,5
  • Stile 7,8
  • Incipit 6,1
  • Finale 7,9
  • Copertina 7,3

BOOKeca

mostra altri

Commenti (1)

  • giulia 04 nov 2013 18:24 Segnala abuso

    Condivido in pieno quello che scrive qui sotto Angebet!

    Condivido in pieno quello che scrive qui sotto Angebet!

    « chiudi

  • criros il 15 nov 2013 16:09 Segnala abuso

    Un personaggio scomodo, un po' greve nei rapporti umani, ma al tempo stesso dotato di grande sensibilità, Rocco Schiavone piace per la sua schiettezza e mette malinconia quando pensa al passato,...

    leggi tutto »

    Un personaggio scomodo, un po' greve nei rapporti umani, ma al tempo stesso dotato di grande sensibilità, Rocco Schiavone piace per la sua schiettezza e mette malinconia quando pensa al passato, intuibile e volutamente non definito. Spero che l'autore ci regali presto un altro buon libro!

    « chiudi

     
  • angebet il 04 nov 2013 15:20 Segnala abuso

    Ingredienti: un ispettore borderline romano esiliato ai bordi dello stivale, un villaggio alpino immerso nella neve e quasi isolato dal mondo, un delitto con pochi indizi e indiziati, una "pista...

    leggi tutto »

    Ingredienti: un ispettore borderline romano esiliato ai bordi dello stivale, un villaggio alpino immerso nella neve e quasi isolato dal mondo, un delitto con pochi indizi e indiziati, una "pista nera" da percorrere con intuito, agilità e tecniche non convenzionali. Consigliato: a chi vuol percorrere un piacevole slalom tra i paletti del bene e del male, a chi vuol scoprire il marcio oscuro nascosto sotto ogni candida nevicata.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Scordatevi dei commissari italiani che conoscete, dal Sud al Nord. Scordatevi del garbato e correttissimo Salvo Montalbano e di Proteo Laurenti, triestino di adozione, simpatico e alla buona, l’immagine del padre di famiglia.Scordatevi anche del termine "commissario", perché Rocco Schiavone, protagonista del romanzo Pista nera di Antonio Manzini, ci tiene a precisare, correggendo chiunque gli si rivolga così, che ora si dice "vicequestore". Il vicequestore Rocco Schiavone è antipatico e scorretto. Nei confronti delle donne ha l'atteggiamento del maschio conquistatore ed è stato mandato da Roma ad Aosta per punizione - lo comprendiamo dagli sguardi che gli lanciano, dalle mezze parole dette intorno a lui, dall’irritazione con cui mal sopporta vivere in un luogo che è agli antipodi di Roma. Il suo sogno, condiviso con la moglie Marina, è sempre stato, tuttavia, a metà strada tra Roma e Aosta: una volta in pensione avrebbero acquistato un casolare con della terra in Provenza, mare e colline: il meglio dei due mondi. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(29)

Tutti i lettori

Biografia

Manzini Antonio
Manzini Antonio

Attore e sceneggiatore, romano (allievo di Camilleri all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica),... leggi tutto