Ricerca avanzata

Indignazione

Indignazione - Roth Philip - wuz.it

di

È il 1951 in America, il secondo anno della guerra di Corea. Marcus Messner, un giovane serio, studioso e ligio alle leggi, di Newark, New Jersey, sta cominciando il secondo anno di università in un campus rurale e conservatore dell'Ohio: il Winesburg College. Perché ha deciso di frequentare il Winesburg invece del college della sua città, a cui si era inizialmente iscritto? Perché il padre, il risoluto e laborioso macellaio del quartiere, pare impazzito: impazzito per la paura e l'apprensione di fronte ai pericoli della vita adulta, ai pericoli del mondo, ai pericoli che vede incombere a ogni angolo sul suo amato figliolo. Come spiega al figlio la longanime madre messa a dura prova dal marito, è una paura che nasce dall'amore e dall'orgoglio che il padre prova per lui. Ciò non toglie che Marcus covi una rabbia troppo grande per poter ancora sopportare di vivere con i genitori. Li abbandona e, lontano da Newark, nel college del Midwest, si deve districare fra le consuetudini e le repressioni di un altro mondo americano.

Dettagli sul libro
Nella libreria di 19 lettori

Il voto della community

8,0
  • Trama 8,0
  • Personaggi 8,0
  • Stile 9,0
  • Incipit 8,0
  • Finale 9,0
  • Copertina 6,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Nel 1951 Marcus Messner, figlio di un macellaio kosher del New Jersey, si iscrive al college conservatore di Winesburg, nell’Ohio. Ha frequentato per quasi un anno l’università della sua città, Newark, ma quando il rapporto con il padre ansiogeno diventa per lui insostenibile, decide di prendere le distanze dalla famiglia. Marcus Messner è un ottimo studente, il migliore del suo corso. Lo studio è il suo primo pensiero. Durante il week end lavora come cameriere in un bar vicino al college per non pesare troppo sulle finanze dei suoi genitori. Un bravo ragazzo, Marcus Messner, che ha imparato il valore dell’onestà e del sacrificio lavorando nella macelleria del padre, dopo la scuola, nell’ultimo anno di liceo. Romanzo breve, poco più di centotrenta pagine, organizzato come una bomba a orologeria: sin dalle prime pagine si attende la fine, la tragedia. Cosa provoca questa aspettativa in noi? Il senso di paura che pervade le pagine del romanzo. La paura si vince con l’intelligenza e con la ragione secondo il filosofo Bertrand Russell, di cui l’ateo Marcus si dichiara adepto. La paura è figlia delle religioni organizzate. Nel college conservatore e tradizionalista di Winesburg Marcus deve sopravvivere a un sistema che non intende lasciar fuori nessuno. Tanto meno chi come lui è dotato di capacità intellettive superiori alla media. Per quanto possa sembrare paradossale, Marcus si trova impossibilitato a rimanere incolume e innoquo ai bordi della comunità. Avrebbe voluto solo studiare e lavorare. Avrebbe voluto non entrare in nessuna confraternita. Non frequentare la chiesa. Laurearsi in fretta e con il massimo dei voti. Fare l'amore con una ragazza prima di morire.Evitare di morire in guerra come tanti suoi coetanei in quel 1951.E tutto questo grazie a una continua ricerca del perfezionismo e dell’eccellenza personale. La sua resistenza a oltranza e il sistema cannibale entrano però presto in collisione, incapaci di coesistere nella stessa galassia.Il meccanismo narrativo scelto da Philip Roth, provoca una germinazione di stimoli concettuali sul senso della paura e della morte di cui dicevamo prima. La compressione temporale della vicenda (tutto si svolge in un anno circa) e l'esigua presenza di flashback, non possono che causare una mutilazione del protagonista. È una regia crudele e atroce come una guerra. Ci sono i canoni rothiani: educazione ebraica, la presenza ingombrante della famiglia, il senso di colpa, l'erotismo, la fiducia nella ragione, la denuncia dell'antisemitismo. Ma Marcus non è Alexander Portnoy: non riusciamo a intenerici e a ridere. Questa volta siamo catturati da un senso di indignazione per la sorte di Marcus, un laureato ante litteram, che non vuole piegarsi al sistema e soccombe come un eroe moderno. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(19)

Tutti i lettori

Biografia

Roth Philip
Roth Philip

Philip Roth (Newark 1933 - Manhattan 2018) è stato uno scrittore statunitense. Figlio di... leggi tutto

Cercavi un'altra edizione?

Tutte le altre edizioni