Ricerca avanzata

Impubblicabile!

Impubblicabile! - Bangs Lester - wuz.it

di

Collaboratore delle maggiori riviste musicali degli anni Settanta, da "Creem" a "Rolling Stone", per le quali ha scritto reportage, interviste, recensioni e stroncature epocali, Lester Bangs è considerato uno degli scrittori più rappresentativi della sua epoca e un'icona della controcultura americana. Personaggio geniale e scomodo, ha stravolto il linguaggio della critica musicale grazie a un'innata capacità di parlare della musica con la voce appassionata e appassionante del fan, spostando l'epicentro del rock'n'roll da sopra a sotto il palco. Ma Bangs ha rivolto la sua attenzione anche ad altri aspetti del proprio tempo, raccontandoli con lo stile visionario e dissacrante che caratterizza la sua scrittura. Dopo due raccolte di articoli e interviste, ecco una scelta di suoi pezzi inediti: ricordi, confessioni, provocazioni in cui vediamo la mente e la penna inquiete di Bangs fare i conti con una serie di miti e tabù della società contemporanea: il sesso, la droga, il successo delle star, le temibili gang degli Hell's Angels e l'assassinio di Bob Kennedy, il mito di Elvis e quello dei Sex Pistols; pagine troppo personali e anticonformiste per trovar posto sulla stampa di allora, ma troppo affascinanti per non essere offerte ai lettori di oggi.

Dettagli sul libro
Nella libreria di 1 lettore

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • Intelligente ed osceno. Immaginifico, delirante. Grafomane bulimico e goloso di tutto ciò che lo sconvolgeva, e lo dice Philopat, mica io. Signore e signori, vi presento la versione intima e ancora più visionaria del giornalista del rock, Mr. Lester Bangs. Una rock star tra le rock star, che in Impubblicabile! incontriamo anche nel privato, nei ricordi dell’adolescenza, nei racconti delle notti passate nei locali degli Hell’s Angels, mai sobrio o lucido, costantemente sotto l’effetto di qualcosa, fossero eccitanti, barbiturici, alcool o voglia irrefrenabile di scrivere. Lo vediamo alle feste fare incetta di medicinali negli armadietti di sconosciuti padroni di casa, e più tardi riportare febbrilmente su carta le impressioni e le illuminazioni, quasi in trance, in un vorticoso flusso di coscienza.   Minimum fax raccoglie squarci inediti, confessioni, appunti e provocazioni di un Bangs che spara su musica, politica e successo con lo stile acido che lo ha reso inconfondibile, da degno figlio di Kerouac e Borroughs. Un gonzo journalist che ha scritto, aprite bene le orecchie, su RollingStone, New Musical Express, Creem, Village Voice, Penthouse e Playboy, per citare i più noti, con il piglio di chi non ha paura di niente, venendo licenziato in più occasioni perché ritenuto offensivo nei confronti dei musicisti.La rock star è solo una persona, ripeteva spesso Lester Bangs, e questo la dice lunga sul suo punto di vista smitizzante, terrestre, che impauriva addirittura le dive della musica. Lou Reed, intendo Lou Reed proprio quello dei Velvet Underground, lo temeva per questa sua sincerità allucinata e schietta allo stesso tempo.Impubblicabile! si apre con la notizia dell’attentato ad Andy Warhol e quello, il giorno dopo, a Bob Kennedy, raccontata attraverso la vena nevrotica e del tutto personale del ventenne Les, che dichiara, in barba a tutto quello che stava succedendo in America e nel mondo, di voler scrivere il più possibile, invitandoci a fare una gita guidata negli antri del suo cervello. Ed è questo quello che, in effetti, leggendo oltre, accade. In alcuni brani ci troviamo a gustare dichiarazioni vergognose e lungimiranti sul futuro della letteratura e del giovane Les come scrittore e giornalista. In un altro, ce lo troviamo davanti mentre assiste ad uno stupro di gruppo, descritto con quel distacco anfetaminico, quasi umoristico, necessario a citare la colonna sonora di quel momento: Otis Redding in I’ve been loving you a little too long. Prima o poi, ovviamente, ci imbattiamo nei Sex Pistols,  nei Pil, e perfino in Rod Stewart e Elvis, in che forma, dovete scoprirlo da soli. Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(1)

Tutti i lettori

Biografia

Bangs Lester
Bangs Lester

Leslie "Lester" Conway Bangs è stato un critico musicale e musicista statunitense. Famoso... leggi tutto