Ricerca avanzata

Gita al faro

Gita al faro - Woolf Virginia - wuz.it

di

Descrizione non disponibile

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

10,0
  • Trama 10,0
  • Personaggi 10,0
  • Stile 10,0
  • Incipit 10,0
  • Finale 10,0
  • Copertina 10,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • StefaniaStefy il 05 ago 2014 09:54 Segnala abuso

    Con una lirica sublime che è poesia allo stato puro, e con un'elegante, sensuale e femminile delicatezza, Virginia Wolf mi aggroviglia con l'enorme forza evocativa del "flusso di coscienza" al...

    leggi tutto »

    Con una lirica sublime che è poesia allo stato puro, e con un'elegante, sensuale e femminile delicatezza, Virginia Wolf mi aggroviglia con l'enorme forza evocativa del "flusso di coscienza" al romanzo della sua vita. Non vita sequenza di eventi , ma ricerca sè: introspezione all'ennesima potenza, vortice di pensieri, biografia della sua anima. Tormentata, sempre in "movimento", sembra (fino al culminare nell'excipit) non trovare mai requie. Felicità perduta ineluttabilmente con l'infanzia. E morte. Presenza sinistra e costante in penombra. Ogni personaggio è la proiezione letteraria del suo io e dei suoi affetti reali, su cui spicca la Sig.ra Ramsey (Julia, sua madre). Lei è il vero faro indaffarato il cui fascio illumina, attrae, dirige, sostiene. E come un faro con la sua luce intermittente, anche lei ha le sue "zone d'ombra" e gli istanti di "crespuscolo". Centro etereo di energia nevralgica, attorno a cui tutto e tutti gravitano, ma al suo collassare, d'improvviso la sua forza si fa da centripeta a centrifuga, disorientando coloro che l'avevano amata, abbandonandoli ad un buio, desolato disincanto. E il Sig. Ramsey (Leslie, suo padre) leader apparente, terreno e virile che brilla anch'egli, però, della conturbante luce riflessa della moglie. E infine...immagino Virginia che posa la penna al termine del suo capolavoro, le guance accalorate, una ciocca di capelli fuori posto, "confusa e felice", che si fonde in trasparenza con il suo alter ego Lily Briscoe e all'unisono "Era fatto, era finito. Sì, pensò, posando il pennello sfinita, ho avuto la mia visione", alleggerite entrambe dei loro fantasmi e delle loro ossessioni.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Woolf Virginia
Woolf Virginia

Nata il 25 gennaio 1882 e figlia di Leslie Stephen, celebre storiografo e critico, crebbe in un... leggi tutto