Ricerca avanzata

Argo il cieco

Argo il cieco - Bufalino Gesualdo - wuz.it

di

«Fui giovane e felice un'estate, nel cinquantuno. Né prima né dopo: quell'estate. E forse fu grazia del luogo dove abitavo, un paese in figura di melagrana spaccata; vicino al mare ma campagnolo; [...] e che angele ragazze si spenzolavano dai davanzali, tutte brune. Quella che amavo io era la più bruna.»

«Scrive Leopardi in un luogo della sua Storia del genere umano: "E Giove seguitò dicendo: avranno tuttavia qualche mediocre conforto da quel fantasma che chiamano Amore." Non diversamente il protagonista di queste pagine (lo stesso autore, forse; ma forse no, a dispetto della coincidenza onomastica), assediato dall'inverno in un albergo romano, rievoca, per medicina dei suoi accessi d'angoscia, antiche venture di cuore nel Sud, al tempo della gioventù. Ne risulta uno sdoppiarsi dell'io parlante in due città ed età diverse sotto due maschere alterne, in altalena perpetua fra abbandono e impostura, sfogo ingenuo e farnetico astuto. Un diario-romanzo, insomma, che via via può leggersi come ballata delle dame del tempo che fu, o come Mea culpa di un vecchio che vanamente si ostina a promuovere in leggenda, attraverso ilarotragici ingranaggi di parole, la sua povera "vita nova".» (Gesualdo Bufalino)

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 2 lettori

Il voto della community

6,0
  • Trama 6,0
  • Personaggi 6,0
  • Stile 6,0
  • Incipit 6,0
  • Finale 6,0
  • Copertina 6,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • angebet il 19 set 2018 16:07 Segnala abuso

    Ingredienti: le passioni di un insegnante trentenne a Modica nell’estate del 1951, i ricordi di un pensionato romano della sua gioventù siciliana, un rapporto intenso e leggero tra ricerca del...

    leggi tutto »

    Ingredienti: le passioni di un insegnante trentenne a Modica nell’estate del 1951, i ricordi di un pensionato romano della sua gioventù siciliana, un rapporto intenso e leggero tra ricerca del piacere, dell’amore e della felicità, un alter-ego di uno scrittore in bilico tra fantasia e realtà, nostalgia e consapevolezza. Consigliato: a chi vuole un romanzo agrodolce e odiamabile scritto da un vecchiogiovane, a chi si nutre di ricordi, di parole, di pensieri.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(2)

Tutti i lettori

Biografia

Bufalino Gesualdo
Bufalino Gesualdo

Scrittore italiano. Si è rivelato tardivamente come narratore con il breve romanzo... leggi tutto