Ricerca avanzata

Afrodita. Racconti, ricette e altri afrodisiaci

Afrodita. Racconti, ricette e altri afrodisiaci - Allende Isabel - wuz.it

di

Passeggiando per i giardini della memoria, tra gli spiriti del passato e quelli del futuro, Isabel Allende scopre che i suoi ricordi sono indissolubilmente legati ai sensi e che il piacere dell'amore e quello della cucina, amici inseparabili, accompagnano la sua vita e la sua arte, le sue storie e i suoi desideri. I legami tra erotismo e gastronomia colorano le sue riflessioni, guarniscono le sue ricerche familiari, insaporiscono i suoi incontri. Incurante dei rigidi confini che separano i generi letterari, l'Allende si aggira scanzonata e pungente tra facezie e tabù sessuali. Il tutto servito con tanti disegni, un pizzico di divertita misura e una spruzzata di delicata autoironia.

Dettagli sul libro
1 recensione
Nella libreria di 16 lettori

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • Wuz Team il 17 apr 2014 12:27 Segnala abuso

    "Afrodita" di Isabel Allende appare, ai fedeli lettori della scrittrice, forse imprevedibile. Eppure, c'è tutta la sua fantasia e il suo garbo in questo straordinario libro di "quasi ricette". È un...

    leggi tutto »

    "Afrodita" di Isabel Allende appare, ai fedeli lettori della scrittrice, forse imprevedibile. Eppure, c'è tutta la sua fantasia e il suo garbo in questo straordinario libro di "quasi ricette". È un gioco? Una maliziosa trasgressione? O forse solo la gioia di aver ritrovato il troppo a lungo dimenticato gusto della vita. Tutti i sensi all'erta, si può parlare di culinaria e di erotismo con grande raffinatezza e cultura. Citazioni tratte dalla tradizione filosofico-letteraria indiana, giapponese o biblica e ricordi familiari (la Allende trae sempre dalla sua storia personale innumerevoli spunti letterari) si intervallano e creano un armonico intreccio estremamente accattivante. I vari sensi vengono presi in considerazione sia nella loro funzione erogena, sia come complemento dell'arte culinaria. "Il cibo, come l'erotismo, entra dagli occhi": un cibo che evochi immagini sessuali, garbate e sofisticate come l'ostrica, decisamente kitsch come il bicchiere a forma di scarpetta col tacco, giocose come un dessert di pesche sormontato da ciliegine a mo' di capezzolo, può essere un buon complemento alla visione del corpo desiderato (meglio velato che nudo) e sicuramente può facilitare un approccio. Così l'olfatto entra in gioco sui due fronti: l'inebriante profumo di cannella, o lo stordente aroma dei chiodi di garofano erano addirittura proibiti nel convento delle Sorelle Scalze dei Poveri in quanto potenti afrodisiaci. La sessualità femminile però è particolarmente legata "all'immaginazione e alle terminazioni nervose auditive", i più grandi amatori sanno che per una donna il miglior afrodisiaco sono le parole. Per la Allende anche "nel cibo il linguaggio è afrodisiaco", infatti commentare un piatto o un sapore è uno stimolo per tutti i sensi. I francesi a tavola non parlano mai di politica o di denaro, discutono invece dei sapori o dei profumi o tacciono: "in Francia si fa l'amore e si mangia con parsimonia, assaporando entrambe le cose con religiosa gratitudine". Curio

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(16)

Tutti i lettori

Biografia

Allende Isabel
Allende Isabel

Scrittrice e giornalista cilena. Dopo aver terminato gli studi a Santiago del Cile, lavora... leggi tutto