Ricerca avanzata

2084. La fine del mondo

2084. La fine del mondo - Sansal Boualem - wuz.it

di

Nell'Abistan - un impero così vasto da coprire buona parte del mondo - 2084 è una data presente ovunque, stampata nel cervello di ognuno, pronunciata in ogni discorso, impressa sui cartelli commemorativi affissi accanto alle vestigia dello Shar, la Grande Guerra santa contro i makuf, i propagandisti della "Grande Miscredenza". Nessuno sa a che cosa corrisponda quella data. Qualcuno dice che ha a che fare con l'inizio del conflitto, altri con un suo episodio. Altri ancora che riguardi l'anno di nascita di Abi, il Delegato di Yölah, oppure il giorno in cui Abi fu illuminato dalla luce divina. In ogni caso, è da allora che il paese, che era detto semplicemente il "paese dei credenti", fu chiamato Abistan, il mondo in cui ci si sottomette gioiosamente alla volontà di Yölah e del suo rappresentante in terra, il profeta Abi. La Grande Guerra santa è stata lunga e terribile, tuttavia l'armonia più totale regna ora nelle terre dell'Abistan. Nessuno dubita delle autorità, cosi come nessuno dubita che Yölah abbia offerto ad Abi di imprimere un nuovo inizio alla storia dell'umanità. L'abilang, una nuova lingua, ha soppiantato tutte le lingue precedenti, considerate stolti idiomi di non-credenti. Le date, il calendario, l'intera storia passata dell'umanità non hanno ormai più alcuna importanza e senso nella Nuova Era, e tutto è nella mano di Yölah. Agli uomini non resta che "morire per vivere felici", come recita il motto dell'esercito abistano...

Dettagli sul libro
Nella libreria di 4 lettori

Il voto della community

0,0
  • Trama
  • Personaggi
  • Stile
  • Incipit
  • Finale
  • Copertina

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Non sono presenti recensioni per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne una?
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • A perdita d’occhio si vede solo una terra, l’Abistan: un paesaggio desolato, incommensurabile, che ricopre quasi buona parte del globo, attraversata solo da carovane di pellegrini privilegiati, da malati trasportati sull’eremo di una montagna, da soldati che controllano ogni spostamento territoriale. Una terra tanto arida, tanto paurosa, quanto purificata, consacrata alla verità, una terra controllata perennemente dallo sguardo univoco di Dio, l’Onnipotente Yölah, e di Abi, il suo Delegato in terra. La pace regna sovrana in questo Paese, una pace nuova, dopo immemorabili anni di guerra – che ormai nessuno ricorda più, la storia è stata riscritta – una pace anestetizzata, impressa direttamente nella scatola cranica di un popolo di fedeli, omologato a un solo credo: «Yölah è giusto, Yölah è paziente, Yölah è grande, Yölah ti sostiene».  Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(4)

Tutti i lettori

Biografia

Sansal Boualem
Sansal Boualem

È nato e vive in Algeria e ha iniziato la sua carriera di scrittore a 50 anni. Ha... leggi tutto