Ricerca avanzata
Intervista

Noi leggiamo le storie Rocco Schiavone ma Antonio Manzini cosa legge?

Rocco Schiavone nei libri, Rocco Schiavone in tv. Noi lo amiamo. È ruvido, ha cattive abitudini, spesso non è politicamente corretto e non sempre empatico, ma noi lo amiamo. Il suo stesso autore lo descrive così: «Rocco è una persona scorretta, tratta male i sottoposti… però piace perché non è bugiardo. È uno che dice la verità, e poi ci rimette. Per questo sta simpatico: non mente. Nemmeno alle donne».
Ritrovarlo nelle pagine dei romanzi di Antonio Manzini o impersonato dallo straordinario Marco Giallini (che potrebbe tranquillamente affermare Rocco Schiavone c’est moi) è sempre un piacere. Un piacere che il suo autore non può provare (visto che queste storie le scrive…) ma allora, lui cosa legge se non può leggere Manzini?

WuzManzini.
Manzini lettore, a cosa si appassiona?

Mi stanno piacendo tantissimo i libri di Kader Abdolah, uno scrittore persiano-iraniano che scrive in olandese. I suoi testi dovrebbero essere ripubblicati, perché alcuni sono datati, ma nulla toglie che sia uno scrittore eccezionale.
Poi mi è piaciuto molto Una vita come tante di Hanya Yanagihara. È la storia di quattro amici americani e delle loro vite. Le vicende ruotano attorno al protagonista: Jude.
Un altro che mi sento di consigliare è La moglie di Jhumpa Lahiri, bellissimo!
Ho parlato solo di libri vecchi ma forse ultimamente non c’è niente che mi abbia sconvolto.

Img_Manzini_1.
Sei più un lettore da “classici”?

Ogni tanto vanno riletti perché a una certa età hanno un sapore completamente diverso. Recentemente mi sono cimentato con I promessi sposi, l’ho trovato differente da come lo ricordavo. Ho scoperto un Manzoni ironico, a tratti quasi comico. Rileggendolo ho avuto l’impressione che Manzoni amasse solo le persone nobili, mentre il popolo lo detestava.

Manzini_PromessiSposi.
C’è un autore che hai scoperto “in ritardo”?

A 54 anni – vergogna a me! – ho scoperto Juan Carlos Onetti, un grande autore uruguagio. È uno scrittore non facilissimo, è tosto, ma è una lettura appassionante. È stata una bella scoperta, tardiva ma eccezionale.

Manzini_Onetti.



Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti