Ricerca avanzata

Citazione da Di noi tre

  • Di noi tre di De Carlo Andrea

    Segnala abuso

    Tutto quello che riuscivo a ricordarmi della sera prima era la sensazione fluttuante con cui avevo attraversato e riattraversato la folla, e Misia che piangeva seduta sul pavimento vicino la finestra. Ero pieno di rimpianto per non essere riuscito ad andare da lei e nemmeno a dirle niente: gesti e parole invischiati e paralizzati, mi provocavano fitte al cuore mille volte peggiori di quelle alla testa per i residui dell'arancio-vodka.



    Scelta da dany_sc, martedì 3 giugno 2014

     
    Torna indietro
Già iscritto?
Iscriviti