Ricerca avanzata

La biografia di Bergonzoni Alessandro

Bologna, 1958
Bergonzoni Alessandro

A 24 anni dopo l’Accademia Antoniana e la laurea in giurisprudenza, inizia la collaborazione artistica con Claudio Calabrò, da quel momento regista-supervisore di tutta la sua attività fino a Madornale 33, debuttando in teatro nel doppio ruolo a lui congeniale di attore-autore con Scemeggiata (1982), a cui faranno seguito Chi cabaret fa per tre (1983) e La regina del Nautilus (1984). Già in questi primi spettacoli Bergonzoni sviluppa i suoi temi comici: il rifiuto del reale come riferimento artistico, “l’esplorazione” linguistica e l’assurdo come mondo comico da esplorare a tutto campo.
Il 1985 oltre al debutto de La saliera e l’ape Piera, vede Bergonzoni impegnato con le sue prime esperienze radio-televisive. Ma è con Non è morto nè Flic nè Floc (1987) che ad Alessandro Bergonzoni arrivano i primi riconoscimenti sia da parte della critica (menzione speciale del premio I.D.I. 1988) che da parte del grande pubblico.
Accanto alla continua e intensissima carriera teatrale partecipa a programmi radio-televisivi, anche come autore, collabora a numerosi quotidiani, periodici e riviste letterarie e comincia una ricerca sui temi della comicità, avviando una serie di incontri-seminari, che ancora oggi continuano, con studenti universitari e liceali. Nel 1989 pubblica il suo primo libro: Le balene restino sedute. Il secondo libro È già mercoledì e io no esce nel 1992; il 1995 vede l’uscita per Garzanti de Il grande Fermo e i suoi piccoli andirivieni dove per la prima volta si cimenta con la struttura del romanzo. Nel 1996 Alessandro Bergonzoni debutta nel ruolo di sceneggiatore-attore nel suo primo cortometraggio Piccola Mattanza, diretto da Claudio Calabrò, che viene presentato al Torino Filmfestival. Nel 1997 esce, per la Ubulibri, Silences - Il teatro di Alessandro Bergonzoni, la raccolta dei sei testi teatrali che raccontano i suoi quindici anni di attività. Opplero - Storia di un salto - edito da Garzanti e presentato al Salone di Torino - è pubblicato nel 1999. Del settembre 2005 è invece Non ardo dal desiderio di diventare uomo finchè posso essere anche donna bambino animale o cosa (Bompiani) che viene presentato con un “rave book” al Festivaletteratura di Mantova e nello stesso anno espone per la prima volta una sua opera al Museo Archeologico di Aosta oltre partecipare al film di Mimmo Paladino Quijote presentato alla Mostra del Cinema di Venezia. Nel 2006 espone un’altra opera alla Certosa di Padula. Nel maggio del 2007 partecipa al progetto per le due porte di ingresso del Museo d’arte moderna di Bologna in occasione della mostra Vertigo. A novembre dello stesso anno debutta al Teatro Duse di Bologna il suo nuovo lavoro teatrale dal titolo NEL. Il 22 febbraio 2008 a Napoli inaugura la sua prima personale d’arte.
dal sito ufficiale di Alessandro Bergonzoni
Il suo ultimo libro è Bastasse grondare (Scheiwiller 2009).



Il sito ufficiale

I libri di Bergonzoni Alessandro

Già iscritto?
Iscriviti