Ricerca avanzata

La biografia di Oe Kenzaburo

Isola di Shikoku (Giappone), 31/1/1935

Scrittore giapponese, Kenzaburō Ōe ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1994, oltre a numerosi altri riconoscimenti tra cui il premio Europalia e il premio Mondello. Sempre presente nella vita pubblica, ha fatto sua la campagna contro l'energia nucleare. A ventidue anni ha vinto il premio Akugatawa per il racconto Animale d'allevamento. Nel 1961 scrisse Seebuntiin in cui descriveva l'ambiente del fanatico estremismo nazionalista di destra. Nel 1963 nacque il suo primo figlio Hikari (Luce), affetto da una gravissima lesione cerebrale. Quest'eperienza lasciò una traccia profonda nella sua opera. Con Un'esperienza personale (1964) Ōe descrive la vicenda di un padre che rifiuta la menomazione del figlio e pensa di ucciderlo. Il libro è un atto d'accusa contro i pregiudizi sociali nei confronti dell'handicap. Nel 1967 vinse il premio Tanizaki con Il grido silenzioso, mentre nel 1996 il Premio Grinzane Cavour. Tra le altre sue opere ricordiamo: Il salto mortale (Garzanti 2006), Insegnaci a superare la nostra pazzia (Garzanti 2009), La vergine eterna (Garzanti 2011), L'eco del paradiso (Garzanti 2015) e La foresta d'acqua (Garzanti 2019).

Sotto: Kenzaburo Oe nel suo studio.



Articoli, recensioni, interviste su Wuz

I libri di Oe Kenzaburo

Oe Kenzaburo In rete

Già iscritto?
Iscriviti

Tutti i fan di Oe Kenzaburo (2)