Ricerca avanzata

La biografia di Conrad Joseph

Berdicev, 3/12/1857 - Bishopsbourne, 1924
Conrad Joseph

Joseph Conrad, pseudonimo di Teodor Józef Konrad Korzeniowski, è uno dei più importanti scrittori inglesi a cavallo tra Ottocento e Novecento. La sua famiglia apparteneva alla nobiltà terriera della Polonia, a quel tempo sotto il dominio russo. Il padre di Conrad, patriota e uomo di lettere, morì nel 1867, dopo molti anni di esilio politico (la madre era morta nel 1865). Affidato alla tutela di uno zio, Conrad compì gli studi secondari a Cracovia. A diciassette anni partì per Marsiglia, dove s’imbarcò come semplice marinaio. Servì nella marina mercantile francese e, dal 1878, in quella britannica, dove raggiunse il grado di capitano di lungo corso. Nel 1886 diventò cittadino inglese.
L’attenzione ottenuta dal suo primo romanzo e l’incoraggiamento di alcuni scrittori (Galsworthy, Wells, Ford Madox Ford, Edward Garnett) lo indussero, lasciata la marina e stabilitosi in Inghilterra, a dedicarsi interamente all’attività letteraria.
Il primo romanzo, "La follia di Almayer" ("Almayer’s folly"), uscì nel 1895. Seguirono "Un reietto delle isole" ("An outcast of the islands", 1896) e "Il negro del «Narciso»" ("The nigger of the «Narcissus»", 1898). In "Lord Jim" (1900), uno dei suoi capolavori, Conrad adottò per la prima volta con grande efficacia la tecnica del racconto nel racconto. Le raccolte di novelle e i romanzi brevi, Gioventù (Youth, 1902), "Cuore di tenebra" ("Heart of darkness", 1902), "Tifone" ("Typhoon", 1903), e il romanzo "Nostromo" (1904) concludono la prima fase della sua produzione. I romanzi «politici» "L’agente segreto" ("The secret agent", 1907) e "Con gli occhi dell’Occidente" ("Under western eyes", 1911) contengono una violenta denuncia del dispotismo zarista ma rivelano anche l’avversione di Conrad per le idee rivoluzionarie, negatrici della libertà individuale. I luoghi esotici e il mare ritornano nei libri successivi. Ricordiamo: "Racconti di mare e di costa" ("Twixt land and sea", 1912), "Caso" ("Chance", 1914), "Vittoria" ("Victory", 1915), "La linea d’ombra" ("The shadow line", 1917), "La liberazione" ("The rescue", 1920).
Caso più unico che raro, Conrad fu un maestro della letteratura scrivendo in una lingua non nativa, ma appresa in età adulta. Formatosi su Flaubert e più tardi influenzato da H. James, egli appartiene a quel genere di narratori che seppero riflettere la crisi della società ottocentesca.
È universalmente riconosciuto come uno dei grandi maestri del XX secolo.
Parzialmente tratto da: Enciclopedia della letteratura, Garzanti, 2003



I libri di Conrad Joseph

Conrad Joseph In rete

Già iscritto?
Iscriviti