Ricerca avanzata
Articolo

Se è diretto da Silvio Muccino il booktrailer è un successo

È uscito per Bompiani il nuovo romanzo di Luca Di Fulvio, Il Grande Scomunicato, una favola moderna che ci propone una fulminante allegoria della nostra realtà. Accolto positivamente dalla critica, adesso il libro è al giudizio del pubblico dei lettori. Certo è che se il booktrailer è realizzato da Silvio Muccino, amico di Luca Di Fulvio, anche il libro sarà sicuramente un successo.

La recensione de Il Grande Scomunicato




© Philippe Antonello

Il booktrailer influisce sulle vendite di un libro? In parte sì, se viene inserito in un contesto che stimoli la curiosità del lettore. Le immagini hanno un potere di attrazione certamente molto elevato, e riescono a condensare in poco più di un minuto tutta una serie di segni ed emozioni che colpiscono velocemente e in profondità lo spettatore. In Italia, però, il mercato del booktrailer non è ancora così sviluppato come in altri paesi ed è limitato quasi esclusivamente al commercio online, anche se possiamo notare che molti editori cominciano a dedicare ad esso un'attenzione crescente.

Ma se il booktrailer è realizzato da Silvio Muccino, possiamo stare certi che anche il libro avrà una promozione notevole.


Poche parole sullo sfondo accompagnano questo suggestivo booktrailer di Silvio Muccino che si muove sulle note delicate e repentine di un pianoforte, mostrando un coro di bianchi fiori galleggianti sull'acqua che all'improvviso vengono sommersi da un getto di inchiostro nero. La purezza sconciata dalla corruzione e dalla cattiveria del Potere.

Il libro di Luca Di Fulvio

Leggi la recensione
Il Grande Scomunicato è un uomo feroce, potente e malvagio. Per un fraintendimento fatale è caduto in disgrazia. È stato condannato a vagare per l'eternità, emarginato da ogni comunità religiosa e civile. Ma un giorno giunge in un deserto senza nome, popolato solo da dodici coppie di "mentecatti", uomini e donne che non conoscono il trascorrere del tempo. Che non sanno cosa siano la malattia e la morte. Ed è qui che il Grande Scomunicato può tessere nuovamente la sua rete malvagia e gettare le fondamenta della sua dittatura, basata sulla corruzione del corpo come dello spirito. Innalzerà superbamente una città in pieno deserto e condannerà i suoi sudditi a vivere nel terrore. Solo l'amore di un ragazzo per l'unica figlia del dittatore si opporrà al suo regno. Solo la loro passione indicherà la via per una possibile rinascita umana e naturale. Ma saranno loro due soltanto contro la crudeltà del tiranno.


Luca Di Fulvio


30 marzo 2011  

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti