Ricerca avanzata

Recensioni


    • Tango a Istanbul di Aykol Esmahan


      "Tango a Istanbul" (2014, Sellerio) ad oggi è l'ultimo giallo di Esmahan Aykol incentrato sulla libraia (specializzata in giallistica) Kati Hirschel. Se l'autrice è tedesca di origini turche, il personaggio è il suo contrario: stambuliota di origini tedesche. Insieme all'amico omosessuale, e dipendente della libreria, Fofo, la nostra protagonista consulta una veggente, la quale vede il cadavere di una giovane donna nei fondi del caffè. La donna sembra corrispondere all'amica di un'altra dipendente di Kati, che dopo un arresto cardiaco finisce in terapia intensiva: si chiama Nil e vive al di sopra delle sue possibilità (a partire da quella borsa di Chanel). L'irresistibile e bellissimo Hakan, fratello della "vittima", assume Kati come detective, e lei, rintracciando un ex fidanzato di Nil, scopre che la ragazza stava scrivendo una specie di romanzo sui "balli della repubblica" organizzati nei primi anni dopo la fondazione della moderna Turchia per volere di Mustafa Kemal Ataturk, è stato infatti lui a introdurre il tango nel paese per favorire i rapporti tra uomini e donne. Scrivendo in prima persona, Kati si prende confidenze con il lettore utilizzando un tono forse eccessivamente colloquiale. Quella della Aykol è una scrittura speziata, degna dell'ambientazione affascinante e della detective imprevedibile, nervosa, coraggiosa e ironica, le cui vicende personali prendono il sopravvento sulla detection. "Tango a Istanbul" è un vero noir europeo, sebbene coronato da un finale che alcuni potrebbero trovare deludente... Se ti è piaciuto l'inizio, continua a leggere la recensione sul blog pop nerd di Libri Senza Gloria: https://librisenzagloria.com/tango-a-istanbul-di-esmahan-aykol/



      Scritto da librisenzaglo, sabato 10 settembre 2022

        Segnala abuso
Già iscritto?
Iscriviti