Ricerca avanzata

Recensioni


    • La La chiave di Sarah di Rosnay Tatiana de


      Più della metà del libro è stupenda, alternando le vicende di Sara e della sua famiglia durante il rastrellamento del Velodrome d'Hiver, pagine toccante e a tratti difficili da leggere, alle vicende di una giornalista americana trapiantata in Francia, la quale deve scrivere un articolo sul sessantesimo anniversario di questa triste vicenda che vede coinvolti non tanto i nazisti ma i francesi. Le due vite si incroceranno, bellissimo come si incontreranno, ma da qui in poi la narrazione lascia spazio ad approfondimenti e divagazioni personali della giornalista che in qualche modo fanno perdere credibilità, intensità a quanto raccontato prima..Avrei fatto volentieri a meno di quest'ultima parte del libro.



      Scritto da Sally68, sabato 14 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Le Le parole interrotte di Palumbo Francesca


      Volevo trascrivere alcune frasi di questo libro, ma poi ho pensato che vi avrei portato via il piacere di leggere questo libro... Ci sono due capitoli che sono pura poesia, che mi hanno fatto venire i brividi per quanto veri, intensi e sentiti io li abbia percepiti.. I capitoli sono: " Malaika" e " Lettera solo pensata". Meriterebbe di leggere anche soli quelli.. P.S..... vedi video



      Scritto da Sally68, giovedì 5 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • La pioggia prima che cada di Coe Jonathan


      Rosamund vuole lasciare come testamento il racconto della sua vita e decide di farlo attraverso 20 fotografie, accuratamente scelte, con l'intento di raccontare quella che è stata la sua vita e quella di alcuni membri della sua famiglia. L'eredità viene suddivisa in tre parte, due parti ai suoi nipoti Gill e David e la terza parte a Imogen. Ma chi è Imogen? Sarà proprio Rosamund tramite la descrizione delle fotografie a farvela conoscere.. Tenera l'immagine di questa signora anziana che sente di dover chiudere definitivamente col passato e io credo che lo faccia in modo egregio.. Unico piccolo difetto o per lo meno lo è stato per me, che tra le descrizione delle varie foto manca un collante che avrebbe resto il racconto meno schematico e più fluido, coinvolgendo di più il lettore..



      Scritto da Sally68, mercoledì 4 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Madame Bovary di Flaubert Gustave


      È molto difficile per me recensire questo libro. Flaubert per la sua scrittura merita sicuramente 5 stelline. Se potessi valutare Emma solo come donna avrebbe tutta la mia simpatia e approvazione ma non posso dimenticarmi che Emma era anche una madre, e in questo ruolo non posso ne giustificarla ne appoggiarla. Charles è un uomo buono ma poco attento a sua moglie, Emma una donna troppo presa da se stessa e dal suo egoismo, dal suo stato sociale, che per tutta la durata del libro le sta stretto e fa di tutto per evadere e cercare di cambiare questa sua condizione, dimenticando pero, di non essere sola e che le scelte che andrà a fare inevitabilmente avranno un peso, sia per lei che per la sua famiglia.. E Berthe, la figlia, ???



      Scritto da Sally68, martedì 26 settembre 2017

      Piace a 1 utente della community

        Segnala abuso

    • L' L' ultima settimana di settembre di Licalzi Lorenzo


      Si tratta di una storia tenera, ben raccontata. La prima parte del libro è molto divertente e ironica, più volte mi sono ritrovata a sorridere, a tratti geniale per le battute che escono dalla bocca di questo nonno, Pietro Rinaldi, 80 anni...Questo nonno che credeva di poter decidere del suo futuro è stato travolto dagli eventi che lentamente gli hanno fatto capire cosa in realtà si stava perdendo e ha voluto nuovamente farsi stupire dalla vita..Una coccola!!



      Scritto da Sally68, sabato 23 settembre 2017

        Segnala abuso

    • Buio di Maraini Dacia


      Torno a ribadire che mi piace molto la scrittura della Maraini. In questo caso sono racconti di delitti e abusi, principalmente a danno di donne e bambini. Diversi, soprattutto i primi sono stati per me di difficile lettura per le efferatezze raccontate... "...bisognerebbe sempre credere ai bambini, prima che agli adulti. E se mentono? Vale la pena di correre il rischio" Questa è la frase finale di un racconto che mi ha toccata molto, impariamo ad ascoltare i nostri figli, siamo noi, adulti, a doverli proteggere..



      Scritto da Sally68, domenica 17 settembre 2017

        Segnala abuso

    • Voci di Maraini Dacia


      Ascoltare questo libro, credo mi abbia aiutata ad apprezzarlo ancora di più e credo che il titolo "Voci" spieghi benissimo il perche..Le voci si ascoltano e la nostra protagonista Michela ama le voci, tanto da farne la sua professione.. Si troverà immischiata in un giallo in cui sarà lei a dover scoprire cosa si nasconde dietro la morte della sua vicina di casa.. Avrete capito che si tratta di un giallo.. Leggere questo libro sussurrato e scritto benissimo mi ha fatto conoscere la grande penna di Dacia Maraini, innamorandomene... Merita, io non amo i gialli ma questo scavare nelle relazioni dei loro protagonisti mi ha catturata..



      Scritto da Sally68, sabato 9 settembre 2017

        Segnala abuso

    • L' isola di Arturo di Morante Elsa


      Libro meraviglioso, sia per quanto riguarda la trama che la prosa. Descrizioni dei luoghi, dei personaggi e delle situazioni dettagliate e alquanto poetiche, bellissimo. Tale la bellezza delle descrizioni che, anche io, insieme ad Arturo, protagonista principale di questo libro, mi sono ritrovata su quest'isola, un po' come un viaggio e ora, finito il libro, ne ho già nostalgia.. Ambientato negli anni 30, a Procida, dove un ragazzino Arturo impara crescendo quando può essere bella ma anche dura e cruda la vita. Arturo insegue per tutta la sua vita, prima da bambino e poi da adolescente, un'unica cosa, l'attenzione e l'amore degli altri. Gli manca l'amore di una madre, morta per parto, gli mancano più di tutto i baci che solo una madre può e sa dare... Vede nel padre un ideale, costui spesso assente per lunghi viaggi, cosi almeno crede Arturo, via dall'isola e i suoi ritorni sono legati a grandi attese e aspettative, che regolarmente verranno deluse. Il resto lo lascio scoprire a voi. Lella Costa cosi descrive il libro: " un libro che richiede molto tempo perche sprecare solo una parole è peccato mortale." Uno dei libri, se non il più bel libro che io abbia mai letto.



      Scritto da Sally68, giovedì 7 settembre 2017

        Segnala abuso

    • Sette fiori di senape di Grennan Conor


      "Non c'era un modo semplice per dire a un ragazzo convinto che tutti nella sua famiglia fossero morti che solo dieci giorni prima avevo incontrato suo padre. Non c'era un modo semplice per dirgli che avevo una sua foto e una lettera per lui. Non c'era un modo semplice per dirgli che aveva una madre, un fratello e una sorella..." Non potevo non iniziare con una frase tratta dal libro, me ne sono segnata tante. Sono le quattro e mezza di notte e ho finito questo meraviglioso libro, quattro stelline meritate, la quinta non ho potuto fare a meno di dargliela per quanto mi ha commossa ed emozionata. Non si può restare indifferenti al destino di questi bambini nati nel Humla, regione nell'estremo nordovest del Nepal, ai confini con il Tibet. Strappati con l'inganno alle loro famiglie mentre nel paese imperversava una guerra civile. Conor e Farid, occidentali ma che si sono lasciati travolgere dagli eventi e hanno preso a cuore il futuro di questi piccoli.. Da questo incontro è nata la fondazione "New Generation Nepal"che tutt'ora opera in Nepal.. Se volete emozionarvi questo libro non vi deluderà..



      Scritto da Sally68, lunedì 4 settembre 2017

        Segnala abuso

    • Il Il giardino dei segreti di Morton Kate


      Secondo libro della Morton che leggo e questa volta è riuscita a coinvolgermi e non poco. Già già dalle prime pagine ti cattura e piano piano ti accompagna a scoprire quale passato si nasconde dietro il ritrovamento di una bambina, abbandonata al porto, seduta su una valigia bianca.. Libro ricco di tanti avvenimenti, di salti temporanei, che all'inizio mi hanno un pochino frastornata, ma poi ci si si riesca a districare. Mi è stato molto di aiuto trascrivere su un foglio a parte l'albero genealogico della famiglia, per capire i vari legami di parentela.. Per il resto la Morton è bravissima a descrivere i luoghi e anche gli stati d'animo dei vari personaggi.. Libro consigliatissimo per una lettura estiva



      Scritto da Sally68, domenica 27 agosto 2017

        Segnala abuso
1 2 3 4 5  ... 
Già iscritto?
Iscriviti