Ricerca avanzata

Recensioni


    • Riportando tutto a casa di Lagioia Nicola


      Così Nicola Lagioia ha spiegato il titolo del romanzo: «Per quelli della mia generazione si tratta di riappropriarsi di un trauma senza evento. Noi non abbiamo avuto una data cruciale da cui far discendere il resto. Ma questo non significa che, da qualche parte negli anni Ottanta, non ci sia stato un evento catastrofico per il sentire comune. Riportando tutto a casa vuole indicare il riappropriarsi di qualcosa che è emotivamente informe e metterlo nella forma di un romanzo, finalmente raccontabile». Continua su http://tim.social/riportandotuttiacasa



      Scritto da TIMreading, lunedì 23 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • La La ferocia di Lagioia Nicola


      “L’agnello crea la tigre facendosi mangiare da lei” – queste le parole che Michele, uno dei personaggi salienti dell’ultimo romanzo di Nicola Lagioia “La ferocia”, rivolge alla sorella Clara, ed è in queste parole il vero significato dell’opera. Non è forse facile per chi ancora nutra delle illusioni sulla condizione in cui versa l’umanità oggi, accettare il quadro che Lagioia dipinge di una parte di quella società che costruisce sull’inganno, sul raggiro, sulla disonesta gestione dei fondi dello stato, il proprio benessere e la propria ricchezza, senza esitare a servirsi persino della complicità di alcuni rappresentanti delle istituzioni. Continua su http://tim.social/laferocia



      Scritto da TIMreading, lunedì 23 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • L' uomo nero di Sorrenti Luigi


      “Uomo Nero” è il soprannome che la stampa italiana ha deciso di affibbiare al serial killer che sconvolge Roma in un arco di tre mesi che va dalla vigilia di Natale a quella di Pasqua. Tre mesi di panico, caos e puro terrore in cui la polizia, sotto la guida del commissario Gervasi, fiancheggiato dall’ispettore Biondini, tenta di catturare l’uomo che colpisce all’interno delle stazioni della metropolitana. Le vittime sembrano non avere nulla in comune, se non il modo in cui vengono uccise. I sospetti? Nessuno o forse troppi. Luigi Sorrenti ancora una volta ha delineato una trama avvincente e per nulla scontata, riconfermando il suo stile che rende impossibile staccare gli occhi dalle pagine. Continua su http://tim.social/luomonero



      Scritto da TIMreading, venerdì 20 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • M. Una metronovela di Bartezzaghi Stefano


      Le città di oggi sotto molti aspetti si possono definire un enigma. Questo fin dal capire cosa siano: post-moderne, post-industriali, post-contemporanee ovvero “luoghi” per eccellenza che non di rado si trasformano in non luoghi attraverso trasformazioni o distorsioni il cui senso spesso sfugge persino ai (cosiddetti) “addetti ai lavori”. Siano quel che siano, restano comunque “il” luogo per definizione sociologica, l’ambito nel quale più di qualsiasi altri si possono comprendere e valutare (o si più tentare di percepire) le trasformazioni sociali e antropologiche che modificano nel tempo l’ accezione – almeno in senso urbano – di umanità. Stefano Bartezzaghi, ecco, che prova a sciorinare l’analisi logica della propria città – Milano – utilizzando una chiave di lettura particolare...Continua su http://tim.social/munametronovela



      Scritto da TIMreading, venerdì 20 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Ambarabà di Culicchia Giuseppe


      Quante volte ci siamo guardati intorno aspettando l'arrivo del treno e, osservando le persone, pensare a come potrebbero essere le loro giornate, a cosa stanno pensando? E' quello che fa Giuseppe Culicchia nel suo libro, con protagonsti ventuno personaggi, ognuno con uno stile diverso dall'altro... Continua su http://tim.social/ambaraba



      Scritto da TIMreading, venerdì 20 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • It di King Stephen


      Scritto negli anni immediatamente precedenti alla disintossicazione del suo autore, quest’opera di oltre mille pagine mescola horror, fantasy, gotico, romanzo di formazione e storia d’avventura in maniera esemplare. "A Derry , una piccola cittadina del Maine, l'autunno si è annunciato con una pioggia torrenziale che sembra non finire mai. Per un bambino come George Denbrough, ben coperto dal suo impermeabile giallo, il più grande divertimento è seguire la barchetta di carta che gli ha costruito il fratello maggiore Bill. Ma le strade sono sdrucciolevoli e George rischia di perdere il suo giocattolo, che infatti si infila in un canale di scolo lungo il marciapiede e sparisce nelle viscere della terra. Cercare di recuperarlo è l'ultimo gesto di George: una creatura spaventosa travestita da clown gli strappa un braccio uccidendolo..." Continua su http://tim.social/i9zsnv



      Scritto da TIMreading, giovedì 19 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Non bruciamo il futuro. La mia battaglia per l'ambiente, una nuova politica, il futuro dell'Italia di Ercolini Rossano


      Rossano Ercolini è un maestro elementare in un piccolo comune della Toscana, in provincia di Lucca. Quando viene a conoscenza dei piani per la costruzione di un inceneritore a pochi chilometri dalla sua scuola, per il bene del territorio e la salute dei suoi giovani alunni decide di intervenire. Fonda così l'associazione «Ambiente e Futuro», con l'obiettivo di informare la comunità dei rischi ambientali dell'incenerimento e di proporre strategie alternative per la gestione dei rifiuti. Seguono anni di battaglie durissime durante i quali Ercolini sfida apertamente gli apparati politici e i poteri economici locali e nazionali. Ma alla fine le sue ragioni hanno la meglio... Continua su http://tim.social/nonbruciamoilfuturo



      Scritto da TIMreading, martedì 17 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • L' L' ultima cospirazione di Berry Steve


      "L’ultima cospirazione" è un romanzo di Steve Berry, classe 1955. Edito nel 2006 è il primo di una serie di thriller che vede come protagonista Cotton Malone, un ex agente governativo americano, che dopo aver lasciato il lavoro, si trasferisce a Copenaghen dove apre una libreria di antiquariato, sua passione da sempre. La sue esistenza in Europa è tranquilla e fin troppo monotona, ma lui è felice. Però come ben si sa, qualcosa deve succedere. E così assiste per caso ha un furto e, riscoperta la sua indole da agente, si mette all’inseguimento del ladro, il quale dopo essere stato incastrato all’interno di una torre preferisce uccidersi gettandosi da essa anziché farsi arrestare. Già questo è stranissimo, ma... Continua su http://tim.social/lultimacospirazione



      Scritto da TIMreading, martedì 17 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Prepariamoci a vivere in un mondo con meno risorse, meno energia, meno abbondanza... e forse più felicità di Mercalli Luca


      Il titolo ha un che di apocalittico, però tranquilli che non siamo in zona istant-book alla Giacobbo. Col collasso del mondo attuale non c’entrano gli alieni e nemmeno le antiche profezie Maja, piuttosto la politica dissennata di governi insensibili alle sorti del pianeta. Stiamo sfiorando il fondo, se è vero com’è vero, che la concentrazione critica dei “mali” della Terra è senza precedenti: ambiente, clima, energia, risorse naturali, cibo, rifiuti, e (udite! udite!) persino l’economia. L’inversione di rotta può e deve partire dalle nostre case (più coibentate) e dalle nostre abitudini (più sane, più economiche: dal consumo dell’acqua ai trasporti, dai rifiuti alle energie rinnovabili, dall’orto all’impegno civile. Non è più tempo di false illusioni: l’attesa di soluzioni miracolistiche rischia di naufragare in un’attesa godotiana dal sapore d’ignavia...Continua su prepariamoci



      Scritto da TIMreading, martedì 17 ottobre 2017

        Segnala abuso

    • Impegnatevi! di Hessel Stéphane e Vanderpooten Gilles


      Dopo «Indignatevi!» (2010), esce «Impegnatevi!» (2011). Quest’ultima Opera è una conversazione con Gilles Vanderpooten in cui l’Autore, rivolgendosi soprattutto ai giovani, pone l’accento sull’impegno e sulla responsabilità, al fine di poter costruire un futuro migliore e li esorta a resistere ai diktat del profitto che non considera con rispetto l’uomo né il pianeta in cui viviamo e di una ricchezza che vede «arrogante». Continua su impegnatevi



      Scritto da TIMreading, martedì 17 ottobre 2017

        Segnala abuso
1 2 3 4 5  ... 
Già iscritto?
Iscriviti