Ricerca avanzata

Recensioni

Le recensioni di menestrello Le più famose Più recenti I miei amici I miei autori

    • Il tormento e l'estasi di Stone Irving


      La vita difficile e piena di passione del grande Michelangelo, racchiusa in poco meno di 900 intense pagine, frutto di un'ammirevole lavoro di ricerca da parte dell'autore. L'artista fiorentino ci ha lasciato alcune tra le più belle opere d'arte mai realizzate, ma per apprezzarne pienamente il valore occorre conoscere la storia della sua vita, con tutte le difficoltà incontrate a causa delle condizioni di vita del tempo e a volte anche a causa di un'indole, quella di Michelangelo, complicata, governata dalla passione per il marmo e per l'arte, e perciò difficile da domare; provate a guardare la volta della Cappella Sistina e dopo aver ammirato estasiati gli affreschi pensate che Michelangelo quel lavoro non lo voleva fare ... un talento infinito, un gigante solitario. Il romanzo scorre molto velocemente permettendo al lettore un emozionante viaggio nel tempo. Forse non è un capolavoro letterario (se confrontato con altri romanzi storici tipo 'L'opera al nero') ma una grande opera di divulgazione storica. Lo consiglio senza nessuna esitazione.



      Scritto da menestrello, martedì 15 dicembre 2015

        Segnala abuso

    • Il postino di Neruda di Skármeta Antonio


      A Isla Negra in Cile, Mario Jimenez diventa il postino dell'unica persona di tutta l'isola che riceve la corrispondenza: il grande Pablo Neruda. Inizialmente il rapporto tra i due resta su livelli superficiali ma Mario è affascinato dalla grande personalità del poeta e ben presto si farà conoscere grazie alla sua semplicità. Nasce così una divertente e poetica amicizia. Mario continua a consegnare la posta a Neruda sperando che arrivi un telegramma dalla Svezia. Don Pablo, e soprattutto le sue poesie, diventano fonte d'ispirazione per Mario innamorato della bella figlia della vedova che gestisce la locanda dell'isola. Romanzo breve, intenso, poetico, erotico, politico, commovente, ma soprattutto ben scritto. Un omaggio al grande Neruda e al potere della sua poesia. Un appunto sul titolo: la traduzione italiana prende spunto dal titolo del bellissimo film (Il postino), con Massimo Troisi nei panni del postino; il titolo originale "Ardiente Paciencia" è invece un chiaro omaggio a Neruda che capirete solo se leggerete il libro o se già conoscete il grande poeta.



      Scritto da menestrello, mercoledì 21 ottobre 2015

        Segnala abuso

    • La storia infinita di Ende Michael


      E' un grigio giorno di pioggia. All'improvviso la porta di una libreria viene spalancata con violenza. Il proprietario vede entrare di corsa un goffo ragazzino. Bastiano è il suo nome. Dopo aver scambiato qualche battuta tutt'altro che cortese, il proprietario della libreria deve assentarsi per rispondere al telefono nel retro bottega. Rimasto solo nel negozio, Bastiano viene attratto irresistibilmente da un libro posato sul bancone: "La Storia Infinita". Senza pensarci, ruba il libro e fugge. Decide di rifugiarsi nella soffitta della scuola, dove nessuno andrà a disturbarlo, per leggere il libro rubato. Scopre ben presto la magia che avvolge la Storia Infinita che lo appassiona a tal punto che ad un certo punto si trasforma da lettore a protagonista. Inizia così il suo viaggio di formazione attraverso i suoi desideri per trovare la sua vera volontà. La storia infinita è un romanzo dai toni fiabeschi che però non preclude la lettura agli adulti anche perchè al bravissimo autore, più volte, "scappa" la mano con il risultato che alcune pagine sono più adatte ad un pubblico adulto. Si resta comunque colpiti dalla follia visionaria di Ende, dalla sua capacità di creare mondi bellissimi e terribili ognuno con un funzionamento proprio dal quale non si può prescindere e anzi da osservare attentamente per imparare qualcosa, qualsiasi cosa. Un po' come nella vita. L'intreccio tra i due mondi, quello reale e quello inventato, è molto ben studiato e regala l'impressione di stringere davvero tra le mani un libro magico. Inutile dire che le differenze tra libro e film sono abissali, mancando in quest'ultimo tutta la seconda, e forse più interessante ed importante, parte del romanzo. La storia infinita è un inno alla letteratura come mezzo per cambiare in meglio gli uomini che attraverso i libri possono accedere al regno della fantasia e tenere vivi i sogni.



      Scritto da menestrello, mercoledì 30 settembre 2015

        Segnala abuso

    • Patagonia express di Sepúlveda Luis


      Sepùlveda viaggia nel sud del mondo, osserva paesaggi unici, incontra personaggi stravaganti, ascolta storie divertenti commoventi e anche ... false. Mentre fa tutto questo, prende nota sulla sua Moleskine. Quegli appunti sono diventati questo 'Patagonia Express' (titolo adottato per l'edizione italiana che svia dal reale contenuto del libro), una serie di delicate pennellate di un viaggiatore che sa trasmettere grandi emozioni, grandi personaggi, grandi spazi. Un libro di piccole dimensioni ma dal fascino enorme. Un libro adatto da portare in viaggio.



      Scritto da menestrello, lunedì 24 agosto 2015

        Segnala abuso

    • La metà oscura di King Stephen


      Thad Beaumont e uno scrittore di discreto successo. George Stark è lo pseudonimo che utilizza e che ha ottenuto una grande popolarità. Il primo decide un giorno di eliminare il secondo, uscendo allo scoperto e rivelando che le pagine di Thad Beaumont e quelle di George Stark sono frutto della stessa penna. Inspiegabilmente, però, George Stark prende corpo, diventa reale e si ribella seminando vendetta e morte. La trama è relativamente lineare. King lineare non lo è affatto e nella prima parte del romanzo accompagna il lettore tra le pieghe della storia disorientandolo continuamente, rifiutando la linearità cronologica degli eventi, impegnando il lettore a seguirlo nei meandri della sua brillante mente. Chiede non poco e sa dare altrettanto. Leggere le sue pagine è sempre e comunque un esercizio estremamente coinvolgente. Manca solo qualcosa al finale che è troppo prevedibile. Questo è uno di quei libri (come quasi tutti i libri) che si dovrebbero leggere senza aver avuto anticipazioni sulla trama. Forse si dovrebbe ignorare anche il titolo fin quando non si è letta l'ultima pagina, per essere completamente liberi da attese, per riuscire a farsi sorprendere fino allo stupore.



      Scritto da menestrello, martedì 4 agosto 2015

        Segnala abuso

    • Il Il socio di Grisham John


      Mitchel Mc Deere è un giovane avvocato,viene da una famiglia povera,è stato uno dei migliori nel suo corso di studi,è sposato con una bella ragazza ed è ambizioso:perfetto per il piccolo studio legale di Memphis Bendini Lambert & Locke.Mitch non può rifiutare l'offerta che lo studio gli propone:80 mila dollari per il primo anno,mutuo per l'acquisto di una casa a tasso agevolato, una BMW e la promessa di diventare socio nel giro di una decina d'anni di duro lavoro. Il giovane non perde tempo ed inizia a lavorare a ritmi insostenibili, assecondando il più possibile le raccomandazioni che gli vengono fatte dallo studio in merito anche alla sua vita privata; lo studio sembra essere una grande famiglia molto gratificante per chi si adegua alle sue legge non scritte. Purtroppo per Mitch quelli dello studio non sono gli unici ad averlo notato; l'FBI lo contatta mettendolo in guardia sulle attività illecite dello studio Bendini chiedendogli di fornire le prove per incastrare i vertici. Il ragazzo è solo una vittima innocente. Deve solo decidere da che parte stare e correre tutti i rischi necessari per vincere la sua partita. Le potenzialità di questo romanzo sono enormi e purtroppo non totalmente sfruttate dall'autore. L'inizio discreto introduce a quella che è la filosofia apparente dello studio, tratteggia bene il protagonista e riesce a far entrare il lettore all'interno di uno studio legale e della sua frenetica attività. Il punto di svolta, che determina una netta accelerazione, avviene quando l'FBI scopre le carte e mette Mitch di fronte ad un bivio. Da questo punto in poi il romanzo diventa davvero interessante, Mitch fa la sua scelta e lavora febbrilmente per raggiungere l'obbiettivo, ma l'autore non svela, astutamente, tutto quello che il giovane ha in mente, e tiene così il lettore incollato alla pagina; qui si creano le premesse, s'intuiscono le potenzialità del romanzo che viene sciupato in un finale che dire frettoloso è dire poco.



      Scritto da menestrello, lunedì 13 luglio 2015

        Segnala abuso

    • L' America in vespa. Da Chicago a Los Angeles sulla Route 66 di Serafino Giorgio


      Un sognatore inquieto, audace, un po' incosciente. Innamorato della vita, della libertà, della strada, della Vespa, del viaggio e dei suoi imprevisti; innamorato di sua moglie Giulia che sembra essere l'unica donna che può stargli accanto. Questo è Giorgio Serafino, o almeno quello che esce dalle pagine di questo libro di viaggio; esce, si, letteralmente, pagina dopo pagina, ti trascina con lui e Giulia sulla sua Vespa del '58 a percorrere la Route 66 da Chicago a Los Angeles attraverso dieci stati americani lontani dal turismo di massa e vicinissimi all'America più vera popolata di persone profondamente umane e ospitali e generose, pronte ad aprire le loro case a degli sconosciuti, a condividere con loro una parte di un sogno inseguito con tenacia e fiducia, consapevolezza e forse, soprattutto una grande improvvisazione che sembra essere piaciuta, più di chiunque altro, a Dio che ha accompagnato Giorgio e Giulia proteggendoli dai mille pericoli ma lasciando libero campo alle emozioni uniche che solo i paesaggi da lui creati e le vite da lui inventate e intrecciate sanno dare. Il libro scorre bene e più ci si addentra nel cuore dell'America più diventa intenso come la scrittura dell'autore che si fa via via più sicura e sognante col passare delle pagine fino alla bellissima poesia finale dedicata alla moglie.



      Scritto da menestrello, venerdì 19 giugno 2015

        Segnala abuso

    • Salto nel buio di Cussler Clive


      1914: Nella stessa notte una nave affonda nel fiume S. Lorenzo ed un treno precipita a causa del crollo di un ponte. Sembra una tragica coincidenza, in realtà sul treno e sulla nave viaggiavano due rappresentanti dei governi di Stati Uniti e Inghilterra che portano con se un trattato che potrebbe cambiare gli equilibri politici internazionali. 1989 : Gli stati uniti sono sull'orlo di una crisi politico-energetica che sembra essere irrisolvibile. L'unica salvezza sembra essere proprio quel documento che giace da più di mezzo secolo sul fondo di un fiume. Inizia una corsa contro il tempo e contro temibili avversari dove il solito grande Dirk Pitt si distinguerà per gesta eroiche inarrivabili. Bel romanzo d'avventura. Clive Cussler non ha deluso nemmeno stavolta confezionando una trama intrecciata e creando un'atmosfera d'attesa avvolgente che invoglia a leggere per sapere cosa succederà ma anche solo per il piacere di farlo.



      Scritto da menestrello, lunedì 15 giugno 2015

        Segnala abuso

    • La spada di fuoco di Neruda Pablo


      Difficile scrivere un commento su questo libro. Alti e bassi che si alternano continuamente. La penna di Neruda si riconosce immediatamente. Alcune poesie sono di folgorante bellezza altre mi hanno lasciato indifferente. Nel complesso il poema, che parla dell'ultimo uomo sulla terra e della sua rinascita attraverso l'amore, stupisce a sprazzi ma si mantiene su livelli leggermente inferiori rispetto ad altri scritti del grande poeta Cileno.



      Scritto da menestrello, lunedì 25 maggio 2015

        Segnala abuso

    • La compagnia dei Celestini di Benni Stefano


      Tre orfanelli fuggono dall'orfanotrofio che li ospita, per partecipare al Campionato mondiale di Pallastrada. Accortosi della fuga, don Biffero, il priore Zopilote, si lancia all'inseguimento insieme a lui don Bracco, il giornalista Fimicoli e il fotografo Rosalino. La fuga e la caccia sono il pretesto che l'autore usa per tratteggiare con lungimiranza e folle ironia i grandi eccessi che soffocano il nostro paese. E' una lotta tra il bene ed il male, un inno alla libertà, un viaggio nell'Italia che Benni s'immaginava (e che poi tale è diventata), una cavalcata stilistica di prim'ordine, la compressione di un mondo in un solo libro, l'invenzione di uno stile, un miscuglio di parole ed immagini, personaggi e storie. Un libro necessario.



      Scritto da menestrello, lunedì 25 maggio 2015

        Segnala abuso
1 2 3 4 5 
Già iscritto?
Iscriviti