Ricerca avanzata
Recensione

Lasciar andare copertina

Lasciar andare - Philip Roth

Gabe Wallach
Cova il malessere di tanti giovani ricchi ma mediocri: non sa bene che cosa fare di se stesso. […]. Ha un reddito, è in perfetta salute, e crede non solo nel perseguimento, ma nel raggiungimento della felicità. Purtroppo, ciò in cui crede non esercita un grande effetto sulle sue azioni. Se la sua buona sorte fosse inevitabile, non dovrebbe avere tante difficoltà e compiere delle scelte. Per essere un ottimista, è molto nervoso e indeciso. Poniamo che la felicità si metta a sculettare e danzare buttandosi allegramente giù da un burrone: lui la seguirebbe?

Al centro dello spazio rothiano sempre loro, le relazioni. Questo già dagli esordi, nel lontano 1962, quando lo sconosciuto Philip Roth aveva solo 29 anni e alle spalle un’acerba raccolta, Goodbye Columbus.
Universi piccoli, quelli del suo primo romanzo, costretti nelle ambientazioni grigie e umide degli anni Cinquanta americani e affollati da piani di relazioni portate al parossismo, che s’intrecciano, si accavallano, s’inseguono. Il giovane Roth, nonostante la prolissità degli esordi, mette in gioco fin da subito quelle che sarebbero state le carte della sua indagine letteraria negli anni a seguire: la religione (e in particolare il rapporto con l’ebraismo) il sesso, la morte, l’amore, il rapporto con la famiglia, la sofferenza empatica, l’ossessione per le relazioni e gli assilli dell’io proiettato nella società. Sono temi ancora acerbi, ma è proprio questo il momento per coglierli e riflettere a ritroso su questo grande scrittore, per penetrare nella nascita della sua poetica, grazie a questa nuova traduzione di Norman Gobetti per Einaudi.

Al centro della storia, Gabe Wallach: giovane e ricco ebreo di New York, Gabe è uno studente universitario annoiato dal suo status sociale e incastrato tra l’universo delle relazioni che gli gravita intorno e il disagio dell’immagine che di sé vorrebbe proiettare dentro questi legami. Cresciuto nel religioso credo letterario di Henry James, Gabe cerca di dare un ordine al suo mondo attraverso una catalogazione dei sentimenti messa a confronto con l’universo dei suoi libri, e sbriciolata in modo fallimentare nella realtà che lo circonda.
Il suo è l’affanno della proiezione di se stesso che va a infrangersi nel dolore della madre persa che ha lasciato l’ingombrante vuoto di un’autorità morbosa, e nel rapporto con il padre – dentista rinomato di New York – che si lascia sopraffare dalla malinconia e dal tedio piatto della sua vedovanza, attaccandosi a Gabe con tutto l’egoismo di un affetto che gli è dovuto per legame di sangue. Alla ricerca di un lancinante bisogno di colmare la solitudine, il padre pretende dal figlio tutto l’affetto possibile facendo leva sui sensi di colpa e ricambiando il suo amore con pulizie odontoiatriche, surrogato di un affetto che profuma d’infanzia e gesto manipolatore di autoritarismo paterno.
 cfdspeb2jrvglynxtuyo
Philip Roth, 1973

Al centro della vita di Gabe gravitano gli Hertz: una coppia di giovani universitari sposati, in crisi matrimoniale precoce e consumati dalla povertà che li opprime. Paul Hertz, schivo e difficile, sogna di diventare docente universitario, Libby, malinconica ed egocentrica, vive nel piacere del lamento autoreferenziale e nel terribile rapporto con i suoceri che non hanno mai accettato la sua fede religiosa. Gabe gravita intorno a queste figure e, cercando sempre di fare di sé una persona seria e generosa con gli altri, finisce di spingersi un po’ troppo nelle vite altrui, saltando tra la ripetitività e la futilità delle vite che incontra, alla ricerca di risposte nascoste tra le noia e i limiti del destino. Senza forse trovarle realmente. Il suo complesso rapporto con Martha Reganhart, donna divorziata con due figli e dalla spiccata capacità oratoria priva dei filtri del “buon senso”, mette Gabe alla prova nella complessa crisi esistenziale che lo pone nel desiderio di voler aiutare a tutti i costi gli altri, forse allo scopo di soddisfare un certo appagamento personale.

Lasciarsi andare è un romanzo figlio dell’America di quei ponderosi anni Cinquanta, affannato tra New York, Chicago e Iowa City. È un romanzo modellato sulla spigolosa realtà delle relazioni sociali dell’epoca, irrigidite da quegli anni complessi e che solo la composita penna di Roth riesce a descrivere con le giuste sfumature della sua prosa acerba, ma accuratamente fluida, corrosiva e narcisistica, fino a toccare una morbosa autoreferenzialità. Un Roth aggressivo e accurato nell’introspezione psicologica, un accumulatore di personaggi ossessionati da loro stessi e dagli altri, sospinti nella sazietà dei dialoghi, densi e complessi. Un Roth disilluso e sommesso, sarcastico fino a logorare la pagina, un Roth intenso e amareggiato che serba ancora una fresca ironia non ferita da quelle lesioni dell’esistenza che incontreremo nella sua seconda pienezza letteraria. Un romanzo essenziale e necessario per cogliere sul nascere la genesi del più grande scrittore vivente d’America, per aggrapparsi al bisturi della sua lingua. Precisa e tagliente. Rarefatta e spessa, con involontari riverberi del romanzo dell’io, dai sbiaditi contorni ottocenteschi.

Recensione di Jessica Chia

Philip Roth - Lasciar andare
748 pag., 24, 00 € - Einaudi
ISBN 9788806204419

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti