Ricerca avanzata
Recensione

Il ricordo dell'amore copertina

Il ricordo dell’amore di Aminatta Forna

"Non capisci che lui ti sta usando per scrivere una sua versione della storia? E questo succede ovunque nel paese. La gente cancella quello che è successo, manipolando la verità, creando una sua versione degli eventi per riempire i vuoti, una versione della verità che la metta in buona luce, che spazzi via quello che ha fatto, o che ha mancato di fare, e garantisca che nessuno venga biasimato. Mio padre ha te ad aiutarlo. Sei solo uno specchio che può sollevare per vedervi riflessa una sua versione di se stesso e degli eventi, la stessa menzogna che racconta a se stesso e a tutti gli altri. E lo fanno tutti."

Se non ci fosse l’amore, la vita sarebbe insopportabile.
Se non ci fosse almeno il ricordo dell’amore, se ci fosse solo la memoria dei dolori, delle difficoltà, delle delusioni, non sarebbe possibile trascinarci passo dopo passo avanzando negli anni. Persino nei tempi più bui, persino nella crudeltà estrema che una guerra è capace di risvegliare negli uomini, è il ricordo dell’amore che ci salva.
È di tutto questo che parla - di guerra e di atrocità, di tradimenti e di amore, di tutto quello che la nostra mente elabora sotto forma di ricordi oppure soffoca per non lasciarli affiorare - il bellissimo libro di Aminatta Forna, Il ricordo dell’amore.

Sierra Leone, 2002.
La guerra civile durata undici anni è terminata da poco.
Il paese è pieno di orfani e di vedove, di storpi, di ammalati nel fisico o nella mente. Nell’ospedale di Freetown chi ha avuto lesioni al midollo spinale non viene neppure più accettato: i posti scarseggiano, è inutile curare e mantenere in vita una persona per sei mesi quando poi, una volta dimessa, morirà nel giro di breve tempo perché non c’è nessuno in grado di prendersene cura. Nell’ospedale psichiatrico gli ammalati sono legati con catene - soffrono di allucinazioni e di incubi, di trauma postbellico.
Due medici, due donne, un paziente anziano - sono questi i protagonisti del romanzo di Aminatta Forna, insieme ad una miriade di personaggi minori e tuttavia indimenticabili.

Kai Mansaray è il chirurgo dell’ospedale - un mago, instancabile, generoso, umano, fa miracoli.
Adrian Lockheart è uno psicologo inglese che ha scelto di lavorare in Sierra Leone: il suo compito è di far parlare i suoi pazienti, di aiutarli a gestire i ricordi intollerabili. Tra questi, il vecchio Elias Cole si distingue, perché è lui stesso che vuole parlare, è come se volesse confessarsi. Era un professore universitario, ha un grado di consapevolezza ben diverso dalle altre vittime della guerra.
Saffia, la bella Saffia, era la moglie di un professore collega di Elias quando questi la vide e se ne innamorò subito.
E Mamakay, infine, clarinettista che accetta la corte di Adrian e ne diventa l’amante - per lei Adrian lascerà la moglie e la figlia.

sierra leone2
Le vite di questi personaggi sono intrecciate tra di loro
e la storia che leggiamo è intrecciata alla Storia di un paese devastato.

Aminatta Forna non ci parla della guerra ‘in diretta’. La guerra ‘in diretta’ è lo shock dell’orrore, la paralisi delle emozioni. Attraverso i suoi personaggi Aminatta Forna ci parla della distruzione che la guerra lascia dietro di sé, delle rovine dei corpi e delle anime. Ci parla delle prove e delle scelte che la guerra obbliga ad affrontare, quando la forza interiore viene messa alla prova. Perché solo in apparenza la colpa peggiore di cui l’uomo si può macchiare è uccidere.

Adecali (un paziente di Adrian) non sopporta il puzzo di carne bruciata - quello di cui non riesce a parlare è il fuoco che ha appiccato alle case dopo averci chiuso dentro gli abitanti.
Elias parla, invece, ma pecca di omissione: dice solo quello che vuol dire, che non lo incrimina. Elias non dice quello che non ha fatto e che avrebbe potuto fare trent’anni prima, quando il campus universitario era stato contagiato dai fremiti europei. Ad Elias faceva comodo che venisse tolto di mezzo Julius, attivista politico, marito di Saffia. Ad Elias fa comodo discolparsi sostenendo che è Julius che lo ha tradito per primo, lasciandolo fuori dalla contestazione. E allora il tradimento diventa, in questo romanzo così sofferto e profondo, la controparte dell’amore.

Si riesce a vivere una vita intera senza tradire qualcuno o qualcosa?

Elias che consegna alla polizia i suoi appunti con nomi e date e incontri, Saffia che accetta la proposta di matrimonio di Elias, Elias che, per salvare sua figlia, consegna gli studenti al poliziotto che tanti anni prima lo aveva arrestato, Mamakay che fa un figlio con Adrian impedendosi di pensare al suo grande amore di ‘prima’ della guerra, Adrian che abbandona moglie e figlia, l’amico di Kai che emigra in America tradendo il suo paese. Kai, infine, il fulgido Kai che ricostruisce arti e funge da padre al nipotino: Kai si trova sullo spartiacque della tentazione- gettarsi il tradimento dell’amata e il suo paese in sfacelo alle spalle, seguendo l’amico negli Stati Uniti e diventando lui stesso un traditore, o continuare a combattere la sua battaglia nelle corsie dell’ospedale?
C’è la rivelazione di un ennesimo tradimento nel finale, del tutto inaspettato. E tuttavia è, ancora una volta, un tradimento scaturito dall’amore. O dal ricordo dell’amore.
Un finale che racchiude una grande tristezza e una grande speranza di futuro, di ricostruzione. È tutto perfetto, questo libro. La copertina (molto bella). Il titolo (un incanto suggestivo). La lunghezza del romanzo potrebbe far tentennare, e invece lo stile di Aminatta Forna, tra realismo e poesia, forza e delicatezza, allevia la lettura, la rende palpitante e incisiva.

Recensione di Marilia Piccone

Aminatta Forna- Il ricordo dell’amore
Titolo originale: The Memory of Love
Traduzione di Annarita Guarnieri
686 pag., 19,00 € - Edizioni Cavallo di Ferro 2014


Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti