Ricerca avanzata
Recensione

Dignità! Nove scrittori per Medici senza frontiere copertina
  • Dignità! Nove scrittori per Medici senza frontiere
  • Feltrinelli
  • 2011

Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere

Esmahan Aykol, Eliane Brum, Tishani Doshi, Catherine Dunne, Alicia Giménez-Bartlett, Paolo Giordano, James A. Levine, Wilfried N'sondé, Mario Vargas Llosa

Medici Senza Frontiere, fondata da un gruppo di medici e giornalisti francesi nel 1971, opera in prima linea nelle zone più povere del mondo. Proprio in occasione del suo quarantennale, msf con questo progetto editoriale, Dignità!, vuole dar voce a chi non ce l'ha e mostrare realtà ingabbiate dalla povertà, dall'ingiustizia e dalla mancanza di accesso alle cure, di cui spesso qui in Occidente si ignora l'esistenza.

SCELTO DA WUZ PER IL NATALE 2011 LOW COST: spendere poco, ma fare una gran bella figura!

Nove scrittori provenienti da tutto il mondo, nove strutture in cui Medici Senza Frontiere operano nei luoghi più difficili della Terra, nove viaggi alla ricerca di storie da narrare, nove racconti inediti belli quanto terribili.
Si parte dal Congo di Mario Vargas Llosa, e dal suo Viaggio nel cuore di tenebra, evidente omaggio nei confronti di Joseph Conrad del Premio Nobel per la Letteratura 2010.
"Siamo all'ospedale di Minova" scrive Vargas Llosa "villaggio sulla riva occidentale del lago Kivu, un angolo di grande bellezza naturale - sulla spiaggetta in cui siamo sbarcati c'erano fiori di ninfea color malva - e di indescrivibili orrori umani."
Poche pagine dopo siamo in Bangladesh e seguiamo l'avventura, raccontata da Paolo Giordano, della prima missione della giovane e volonterosa belga Marije in un villaggio isolato e lontano dalla capitale Dacca per sostenere la lotta contro la malaria.


Con Catherine Dunne voliamo a Cape Town per scoprire insieme a lei che a Khayelitsha, una delle township più grandi del Sudafrica, a 40 chilometri da Cape Town, c'è uno dei tassi più alti di Hiv e Tbc dell'Africa, anzi, uno dei più alti del mondo in assoluto. La Dunne ci spiega molte altre cose su quest'area del mondo, ma soprattutto sui miracoli che i responsabili di MSF cercano di fare qui, come del resto sulle alture del Tanganica, in Burundi (dov'è andato Wilfried N'Sondé), e a Kinshasa, la capitale della Repubblica Democratica del Congo, dove viviamo una delle mille tragedie quotidiane attraverso le parole di James A. Levine, non a caso un medico prima che uno scrittore.

Alicia Giménez-Bartlett
ci fa conoscere la realtà dell'organizzazione in Europa, in particolare in Grecia, sulla via dei migranti illegali. E non immaginiamoci che qui vi sia meno lavoro da fare!

I vampiri in Occidente sono i protagonisti dei racconti dell'orrore più alla moda, in Bolivia rappresentano l'orrore vero. I Vinchuca con i loro morsi trasmettono il morbo di Chagas, una delle patologie parassitarie potenzialmente letali più diffuse nelle Americhe. Nel dipartimento boliviano di Cochabamba MSF lavora per la prevenzione e la cura di questo morbo. Ed è lì che è andata Eliane Brum.
Esmahan Aykol invece ci fa fare un viaggio in un girone infernale. Se volessimo mettere in scena l'inferno in terra il Malawi sarebbe una location perfetta. Epidemie di ogni genere si uniscono a una miseria diffusa e un clima inospitale. Per fortuna MSF lavora qui dal 1986, portando un po' di serenità in questa terra disgraziata. Un lavoro altrettanto importante viene fatto in una zona sperduta tra le colline del Nagaland, nell'India del Nord-Est, ai confini con Cina e Myanmar, dove violenze, conflitti e malattie si uniscono a una trasformazione culturale troppo rapida. E questa narrazione ci viene fatta da Tishani Doshi, una scrittrice indiana.


Dignità! Nove scrittori per Medici Senza Frontiere
250 pag., 15,00 € - Edizioni Feltrinelli 2011 (Serie Bianca Feltrinelli)
ISBN 978-88-07-17218-2



Gli autori



02 dicembre 2011 Di G.M.

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti