Ricerca avanzata
Recensione

La La scuola degli ingredienti segreti copertina

La scuola degli ingredienti segreti di Erica Bauermeister

Leggi l'intervista all'autrice

Mangiarono immersi in un silenzio rilassato, godendosi la cremosa torta al limone davanti a loro. Dopo un po’, Isabelle parlò di nuovo. “Sai”, riprese, tenendone sollevata una forchettata, “comincio a pensare che forse i ricordi sono come questo dessert. Lo mangio e diventa parte di me, che in seguito lo rammenti o meno.”


Cibo e amore. Ricette e abbracci. Dolcezze sul palato e sentimenti di bontà. Profumo di spezie e allegria: non sono certamente pochi i libri che hanno intrecciato storie d’amore con la preparazione di piatti appetitosi. Dal più autorevolmente famoso, Doña Flor e i suoi due mariti di Jorge Amado, a Dolce come il cioccolato di Laura Esquivel, a Chocolat di Joanne Harris.

La scuola degli ingredienti segreti di Erica Bauermeister è una variante della ricetta di base delle trame basate su cibo e amore. C’è molto dell’uno e c’è molto dell’altro, ma - per mantenere un linguaggio ‘culinario’- impastati con delicatezza, con un cucchiaio di legno e non con un frullino elettrico, tanto per intenderci.
Inizia con una bambina, Lillian, che vive da sola con la mamma da quando il padre se n’è andato. La mamma ha trovato rifugio nella lettura; di più, si è nascosta dentro i libri che legge, è scomparsa nelle vite dei personaggi. E Lillian, di soli otto anni, prova a richiamarla indietro cucinando per lei. Un giorno ci riesce. 
    


Da adulta, Lillian apre un ristorante, singolare e raffinato, nelle stanze di una casa con giardino. Tovaglie inamidate e argenteria. La gente si siede fuori, in attesa che si liberi un tavolo. E, una sera al mese, Lillian tiene una scuola di cucina. Ogni capitolo de La scuola degli ingredienti segreti ci parla di una ricetta e di uno degli studenti iscritti al corso, di quello che appare a colpo d’occhio e di quello che si cela dietro la “buccia”, di come risolvere problemi di cottura e delle difficoltà della vita. Della necessità di sapere fare qualcosa che renda felici anche se stessi, per poter far poi felici gli altri.
  

La dolce Claire, che ha dimenticato chi lei sia - oltre ad essere la giovane mamma di due bambini -, è la protagonista della prima lezione di cucina, quella più ardua, su come si tolga il guscio al granchio prima di tagliarlo con la mannaia. Come a dire che il cammino della vita non è cosparso di rose e fiori e bisogna essere capaci di essere duri e decisi, quando occorre. Di volta in volta sarà uno degli altri ‘studenti’ ad avere il ruolo principale, con il suo passato e i suoi ricordi, o il suo presente e i suoi dilemmi: c’è la coppia non più giovane e molto affiatata (una volta lei ha tradito il marito), c’è l’uomo la cui giovane moglie è morta di tumore, la ragazza dall’aspetto punk che è sempre sbadata, la signora anziana che sta smarrendo la memoria, la bella Antonia che abitava in Italia fino a quattro anni prima… E su tutti domina Lillian, insegnante, cuoca, deus ex machina, maestra di vita, forse il più misterioso di tutti i personaggi, quello di cui sappiamo di meno. Fatta eccezione per la sensibilità che ci rivela quando parla di ingredienti, di gusti, di aromi, di come si possa trarre il meglio da ogni prodotto, di come le qualità di uno possano mettere in risalto quelle dell’altro, di come il tempo acquisti un altro valore in cucina. Oppure il tempo dovrebbe essere rivalutato anche nella nostra vita quotidiana? Perché ci viene questo dubbio, ascoltando Lillian - che si parli di farina e di uova, di origano e di salvia, di carne, di pesce e di vino, ma che, parlando di queste cose, si intenda parlare di noi e di quello che siamo o che diventiamo perché il cibo diventa parte di noi, perché la lezione della natura è la più spontanea e vitale e genuina.


Erica Bauermeister - La scuola degli ingredienti segreti
Titolo originale: The School of Essential Ingredients
Traduzione di Sara Garaffini
205 pag., € 17,50 - Garzanti (Narratori moderni)
ISBN 978-88-11- 66604-2




Le prime pagine


L'autrice



Ascolta l'intervista a Erica Bauermeister su RadioAlt


12 giugno 2009 Di Marilia Piccone

Commenti



Non sono presenti commenti su questo documento. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti