Ricerca avanzata

Il mercante di Venezia. Testo inglese a fronte

Il mercante di Venezia. Testo inglese a fronte - Shakespeare William - wuz.it

di

Nasce con questa "tragicommedia", tra le più note e rappresentate di Shakespeare, una delle prime, grandi figure del drammaturgo inglese: quella dell'ebreo Shylock, implacabile nell'esigere la libbra di carne dal mercante Antonio. Shylock diviene personaggio emblematico di una mutazione epocale che, mettendo in crisi i tradizionali valori "cavallereschi", introduce la cultura dell'intraprendenza economica, dell'idolatria del denaro e dei guadagni, in una Venezia centro di traffici e di affari. A tutto questo si contrappongono il mondo idillico di Belmonte e l'amore fiabesco fra Bassanio e Porzia, che non riescono comunque a fugare il malinconico senso di una svolta ormai inderogabile.

1 recensione
Nella libreria di 1 lettore

Il voto della community

5,5
  • Trama 6,0
  • Personaggi 4,0
  • Stile 7,0
  • Incipit 7,0
  • Finale 4,0
  • Copertina 5,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • LelaCosini il 21 mar 2017 00:35 Segnala abuso

    Niente, le commedie di Shakespeare non mi prendono. Ho letto anni fa La Tempesta e ho pensato che non aveva nemmeno un decimo della forza di una qualsiasi delle sue tragedie. Stessa cosa a questo...

    leggi tutto »

    Niente, le commedie di Shakespeare non mi prendono. Ho letto anni fa La Tempesta e ho pensato che non aveva nemmeno un decimo della forza di una qualsiasi delle sue tragedie. Stessa cosa a questo giro. Credo che la bellezza di Amleto, Macbeth e gli altri sia insuperabile anche per la sofferenza e la passione che mostrano. Proverò a leggere qualche altra commedia, ma già so che non potrò amarle allo stesso modo. Il mercante Antonio è un buono perché presta soldi a chi ne ha bisogno, l'ebreo fa la stessa cosa, ma è cattivo perché chiede gli interessi. Bassano, Lorenzo e i vari "amici" (begli amici) sono piuttosto piatti e approfittatori. Le donne sono furbe e tentano di mettere i mariti in difficoltà ma non capisco il perché. L'ebreo che si piange addosso perché la figlia gli scappa di casa con un cristiano portando via un bel po' di soldi viene anche obbligato alla conversione a fine storia. In pratica i cattivi sono cattivi, ma i buoni non sono migliori.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(1)

Tutti i lettori

Biografia

Shakespeare William
Shakespeare William

Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente... leggi tutto