Ricerca avanzata

Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti

Memorie di Adriano. Seguite dai taccuini di appunti - Yourcenar Marguerite - wuz.it

di

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

Dettagli sul libro
2 recensioni
Nella libreria di 54 lettori

Il voto della community

7,3
  • Trama 6,8
  • Personaggi 7,1
  • Stile 7,8
  • Incipit 7,4
  • Finale 7,4
  • Copertina 7,0

BOOKeca

mostra altri

Commenti

Non sono presenti commenti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?
  • menestrello il 07 nov 2013 09:58 Segnala abuso

    L'imperatore Adriano racconta la propria vita attraverso l'introspezione e la riflessione profonda delle azioni, dei dubbi e delle decisioni di politico e di uomo comune. Il destinatario, quel 'Mio...

    leggi tutto »

    L'imperatore Adriano racconta la propria vita attraverso l'introspezione e la riflessione profonda delle azioni, dei dubbi e delle decisioni di politico e di uomo comune. Il destinatario, quel 'Mio caro Marco' con cui inizia il racconto, verrà svelato nel corso del romanzo. Siamo di fronte ad un libro epico, profondo, illuminato, romantico, a tratti struggente; definirlo 'libro' mi sembra quasi riduttivo. Qui si va oltre al semplice raccontare una storia mettendo una parola dopo l'altra. Qui si entra nel profondo del pensiero di un grandissimo uomo che ha governato il proprio impero come una 'missione' caricandosi sulle spalle la responsabilità della "bellezza del mondo". Si ha l'impressione di poter vedere e capire l'anima di una persona comune che il destino, l'ambizione e la certezza dell'esattezza delle proprie idee hanno portato ad essere imperatore. L'autrice ci regala un uomo dalle idee illuminanti e attualissime ( oppure ci rivela un mondo, il nostro, in cui l'essere umano si evoluto tanto verso l'alto nella tecnologia quanto verso il basso nell'anima ). Un applauso a questa incredibile scrittrice il cui tormento e le cui difficolta, relative alla stesura del romanzo, sono rese molto bene dal prezioso 'taccuino di appunti'. Un grazie per non esserti arresa alla complessità dell'opera e per averci regalato la magia di questo romanzo.

    « chiudi

     
  • angebet il 30 ott 2013 14:43 Segnala abuso

    Ingredienti: viaggi, battaglie, vittorie e conquiste di un anziano che ripercorre il proprio passato; fallimenti, inquietudini, limiti e riflessioni di un imperatore al culmine del potere; l'amore...

    leggi tutto »

    Ingredienti: viaggi, battaglie, vittorie e conquiste di un anziano che ripercorre il proprio passato; fallimenti, inquietudini, limiti e riflessioni di un imperatore al culmine del potere; l'amore per la cultura, l'arte e la filosofia di un uomo di guerra; le decisioni, le leggi e le innovazioni di un erudito al potere. Consigliato: a chi vuol ammirare le capacità di una donna nell'illuminare un mondo fatto quasi solo di uomini, a chi vuol osservare quanta umanità, modestia e umiltà può esserci anche in chi ha mezzo mondo ai suoi piedi.

    « chiudi

     
Sei capace di riscrivere questo libro in 451 caratteri? Prova! Non sono presenti nanoscritti per quest'opera. Vuoi essere tu il primo a scriverne uno?

Il parere della redazione di Wuz

  • "Mio caro Marco... siamo al termine della vita, l'orizzonte si allarga indietro, lo sguardo del narratore-Adriano deve abbracciare un percorso retroattivo di trecentosessanta gradi, largo come un Impero, come la mappa che ha sempre posseduto l'autrice, che va dalla Britannia all'Asia, alle foreste impraticabili e gelate del nord-est. L'occhio e lo spirito di un morente, padrone di questa vastità, e inerme malato, ripartono dalla prima giovinezza con le sue intemperanze, risalgono attraverso le fasi della prime ambizioni, delle guerre, della maturità politica, dei fini imperiali, dell'amore e delle passioni fino ad arrivare alla malattia devastante e ai pensieri connessi alla certezza della fine."Oggetto di un ardore cieco...Francesca Sanvitale da Continua a leggere

Già iscritto?
Iscriviti


Lettori che hanno questo libro(54)

Tutti i lettori

Biografia

Yourcenar Marguerite
Yourcenar Marguerite

Marguerite Yourcenar, pseudonimo di Marguerite Cleenewerck de Crayencour, è stata una... leggi tutto